Viaggi e Web 2.0

Arte a Venezia

Arte a Venezia.

Tutti nella vita devono andare una volta a Venezia perché è una delle sedi principali dell’arte in Italia.
Ma non solo. Venezia è bella anche perché la visiti a piedi, perdendoti tra le calle e i campi.
Puoi avere una visione diversa della città se la osservi scorrere maestosamente sotto il tuo sguardo da un vaporetto che naviga nel canale.
canal grande
E’ la sede della Biennale d’Arte e di molte altre biennali. Insomma, potrei continuare a cospargere questa pagina di motivi infiniti per visitare Venezia.
Acquista online i biglietti scontati delle migliori attrazioni ed escursioni di Venezia e salta la fila.

L’ultima volta che ci sono andata, qualche weekend fa, è stato prettamente per dedicarmi alla sua arte. Una due giorni completamente immersa tra palazzi antichi ed installazioni moderne.
Biennale Arte 2013
I miei due perché sono stati: il Vaporetto dell’Arte e la Biennale Arte 2013 suddivisa tra Giardini ed Arsenale.
vaporetto dell'arte
Il Vaporetto dell’Arte è un vaporetto come ce ne sono tanti si, ma è speciale. Inclusi nel biglietto (un po’ troppo cara per i miei gusti la tariffa giornaliera a €24) ci sono servizi video, audio guida, welcome kit con la mappa e wifi gratuito.
vaporetto dell'arte
Ti consiglio di fare tutto il percorso dalla Ferrovia ai Giardini, o viceversa, comodamente seduto ascoltando la guida che ti mostrerà e spiegherà tutti i palazzi affacciati sul Canal Grande, i musei, i punti di interesse. Dopodiché, scegli cosa vedere e, tornando indietro, utilizza la fermata più vicina al luogo da visitare. Le fermate Arsenale e Giardini, nonostante ci fosse ancora la Biennale, erano già state soppresse in quanto stagionali, riducendo le soste a otto, e mi sto ancora chiedendo il perché di questa scelta. Il giro serve per scoprire un patrimonio artistico non visibile via terra. Alcuni musei, se presenti il biglietto del Vaporetto dell’Arte, ti applicano uno sconto sul prezzo d’ingresso. Puoi percorrere questa linea speciale da maggio a novembre, circa, ma dipende molto anche dal meteo.
biennale arte 2013
L’altro motivo che mi ha spinto a visitare venezia in questo periodo è stata la Biennale dedicata, quest’anno, al Palazzo Enciclopedico. Un museo immaginario in cui, Marino Auriti, pensava si potesse ospitare tutto il sapere dell’umanità. Nel 1955 questo artista italo-americano depositò il suo progetto ma l’opera rimase incompiuta. La Biennale prende questo nome proprio perché vuole racchiudere in sé il desiderio di conoscere tutto.
Potrai passeggiare per i Giardini, osservare e curiosare tra i vari padiglioni con opere provenienti da ogni parte del mondo, fare la fila per vivere un’opera molto richiesta, ammirare capolavori che vanno dall’inizio del Novecento ad oggi, visitare le sale dell’Arsenale rincorrendo una rappresentazione dell’invisibile, centrale alla mostra.
biennale arte 2013
Per visitarla tutta e con calma servono più di due giorni perciò, quello che ti consiglio, se hai solo un weekend a disposizione (come è capitato a me!), è di dividere la visita tra i Giardini e l’Arsenale in due diverse giornate in modo da gustarti tutto il più possibile. Mi raccomando, ricordati che la data ultima per partecipare a questo percorso d’arte è il 24 Novembre 2013.
biennale arte 2013
Perciò, non perdere tempo e prenota il tuo hotel a Venezia!