Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Costa Brava 4 tappe da non perdere

Costa Brava 4 tappe da non perdere

, / 1

Costa Brava 4 tappe da non perdere.

Destinazione ideale per chi ama il mare, i paesini pittoreschi che si affacciano lungo il Mediterraneo, la buona cucina, il divertimento, l’arte. La Costa Brava, una regione costiera della Catalunya in Spagna, accontenta davvero tutti grazie al suo essere completa e ricca di spunti per viaggi differenti.
Di recente sono tornata da un viaggio che è stato il terzo in Costa Brava. Ogni volta sono andata alla ricerca di idee nuove per scoprire lentamente un altro pezzettino di questa splendente destinazione.

Per organizzare i miei viaggi in Costa Brava mi sono affidata al servizio di ricerca e prenotazione viaggi GoEuro. Il portale è in grado di combinare tutte le opzioni esistenti per raggiungere una determinata località con il treno, l’aereo, l’autobus e l’auto in un’unica ricerca.
Dopo aver visto le numerose possibilità che avevo per raggiungere Girona dall’Italia, principalmente aerei e autobus, ho scelto di prenotare un volo in quanto è risultato il mezzo più comodo, veloce e non troppo costoso per questo viaggio verso la Costa Brava.

Cosa vedere in Costa Brava? Cosa non perdere? Quali tappe fare?

“La Costa Brava non è una comarca naturale, ma certamente è un’entità turistica considerevole…Questo nome ha riscosso un enorme fortuna, ha fatto il giro del mondo e oggi è universalmente noto.” Josep Pla, Guida della Catalogna 1977.

La Costa Brava è il litorale più settentrionale della Catalogna e il suo nome, utilizzato per la prima volta dal poeta e politico catalano Ferran Agulló, descrive le sue coste alte e impervie. La definizione, che nel 1965 ha acquisito la categoria di nome ufficiale, descrive la zona selvaggia di costa mediterranea compresa tra le località di Blanes e Portbou.
La Costa Brava è sinonimo di diversità. Infatti in questo territorio la natura, intesa come risorsa maggiore, regala scenari differenti e paesaggi deliziosi grazie alle montagne dei Pirenei e al Mare Mediterraneo. Trekking, escursioni in bici o a cavallo, sport, relax in spiaggia: tanti sono gli spunti di viaggio e divertimento che troverai da queste parti!
Ecco le tappe che ti suggerisco per godere della Costa Brava anche nei mesi invernali, primaverili e autunnali!

1- Cosa vedere nella Baix Empordà.
Per visitare la Costa Brava, l’aeroporto più vicino è quello di Girona. Quindi cerca un volo low cost per questa destinazione e in poco tempo raggiungerai la zona della Baix Empordà. Qui si trovano le prime tappe che ti suggerisco di non perdere!

Palafrugell: motore economico della regione. In questa cittadina, oltre al turismo, è molto importante l’industria dei tappi di sughero! Il grazioso centro storico animato dal mercato municipale, la Fondazione Josep Pla [scrittore di lingua catalano più importante del XX secolo], il Museo del Sughero, l’Orto Botanico di Cap Roig sono sicuramente le tappe da non perdere. Inoltre, dopo aver visitato Palafrugell, ti consiglio di andare verso il litorale per scoprire Calella, Llafranc e Tamariu.

Da Calella, grazioso paesino, costituito da tante casine bianche, affacciato sul mare, parte un Camino de Ronda molto panoramico che, in poco più di 30 minuti a piedi, ti condurrà a Llafranc. Lasciando il pittoresco paesino di pescatori alle spalle, attraverserai scenari naturali imperdibili, situati lungo la costa, dove l’azzurro del mare farà battere di gioia il tuo cuore e l’atmosfera tranquilla farà rilassare la tua mente.

Qui conoscerai la Habanera e una musica di sottofondo ti condurrà a Cuba. La Habanera è una danza di origine cubana che, nei secoli, si è diffusa soprattutto nelle coste mediterranee della Spagna. A Calella de Palafrugell si svolge ogni anno, il primo sabato di Luglio, uno degli eventi di maggior richiamo turistico: il Concerto di Habanera giunto quest’anno al suo 50esimo appuntamento. Durante questo fine settimana la località si riempie di persone e la cala di Portbò, dove viene allestito il palco, diventa una platea di barche! Per completare questo bellissimo scenario magico non può mancare il cremat, un cocktail alla fiamma a base di rum!
Un altro richiamo a la Isla Grande si ritrova anche nelle bandiere che sventolano dai balconi o nei centri cittadini: una fusione tra la bandiera di Cuba e l’Estelada, bandiera indipendentista della Catalogna.

Sempre nella Baix Empordà si trova Pals, una paesino medievale con un centro storico perfettamente conservato.

Costa Brava 4 tappe da non perdere

Un tour all’interno delle sue mura ti permetterà di respirare un’atmosfera antica dove il tempo sembra essersi fermato. Torri di sorveglianza, case scavate nella roccia, campane che avvisavano i cittadini dell’apertura e della chiusura delle porte della città [e non solo], la Torre delle Ore che sovrasta il comune e strade lastricate, ti condurranno dolcemente nell’epoca medievale.
A pochi passi da qui si trova anche una spiaggia ideale per gli sport acquatici!

La terza tappa che ti suggerisco nella comarca della Baix Empordà è Palamós. Una cittadina marittima dove i motori principali, oltre a quello del turismo, sono la pesca e lo sport. Qui potrai infatti visitare il Museo della Pesca e partecipare ad importanti kermesse sportive come la Christmas Race!

Costa Brava 4 tappe da non perdere

Per visitare questa zona della Costa Brava ti suggerisco di prenotare una stanza con vista mare presso l’Hotel Costa Brava situato nella località di Platja d’Aro. Un hotel che ti sorprenderà con magnifiche vedute panoramiche sulle spiagge lunghe e dorate e sul mare azzurro e cristallino della Costa Brava!

Costa Brava 4 tappe da non perdere

2- Cosa vedere nella Alt Empordà.
Questa è la zona della Costa Brava che ricorda il mitico pittore Salvador Dalí.
Qualche anno fa ho infatti intrapreso un tour sulle sue orme. 
Leggi Un viaggio in Spagna sulle orme di Dalì per scoprire la bellezza di Cadaqués, affascinante villaggio formato da case bianche e tetti rossi che sedusse il maestro, il borgo di Portlligat con la casa-laboratorio di Dalì, Figueres, capitale dell’Alt Empordà, con il teatro Museo Dalí.
Per completare il triangolo di Dalí ti suggerisco di andare anche a Púbol [situato invece nella regione della Baix Empordà] dove si trova il castello di Gala.

3- Divertirsi a Lloret de Mar.
Lloret de Mar è una delle località turistiche più famose della Costa Brava. Ogni anno centinaia di giovani raggiungono questa città per andare al mare, prendere la tintarella, divertirsi, frequentare pub, discoteche e locali. Anche io sono stata da queste parti durante una gita scolastica quando, milioni di anni fa, frequentavo il Liceo 😉
Su Divertimento a Lloret de Mar, puoi leggere la mia esperienza dei tempi che furono.
Se cerchi una località tranquilla e vuoi una vacanza rilassante, questo non è il posto che fa per te quindi vai più verso Tossa de Mar o Blanes.
Se invece prediligi il divertimento, Lloret ti offrirà sette chilometri di spiagge pulite e mare turchese ideale per rigenerarti e ricaricarti prima di una nuova notte in discoteca!
Anche in un periodo diverso dall’estate Lloret de Mar può offrirti tappe imperdibili come l’Eremo di Santa Cristina o i Giardino di Clotilde.

4- Scoprire la Girona antica.
Un’altra località da non perdere è Girona. Atterrando qui con l’aereo ti consiglio di fermarti subito per una prima tappa in città. 
Un giorno a Girona ti servirà per scoprire tutto quello che ti imperdibile potrai trovare qui!

Costa Brava 4 tappe da non perdere

[Photo credits: Heidi Busetti]

La Costa Brava, nonostante sia ricca di calette magnifiche e spiagge lunghe, dorate e mare cristallino, è una destinazione magnifica in qualsiasi periodo dell’anno con tantissime tappe ideali anche nei mesi invernali, primaverili e autunnali!

Ci sentiamo presto con un articolo dedicato alla cucina della Costa Brava: stay tuned 😉

One Pingback/Trackback