Viaggi e Web 2.0

Invasioni Digitali

, / 3

Invasioni Digitali.

Oggi ti parlo di un bellissimo progetto ideato da Fabrizio Todisco in collaborazione con la Rete di travel blogger italiani di #iofacciorete, Officina turistica, Instagramers italia e l’Associazione nazionale piccoli musei: le Invasioni Digitali.

L’evento, o per meglio dire gli eventi, verranno organizzati nella settimana tra il 20 e il 28 Aprile 2013.
Tanti eventi sono già stati creati!
Invasioni Digitali
In cosa consistono gli eventi?
Gli eventi, detti invasioni, verranno svolti presso musei e luoghi d’arte italiani. Possono partecipare blogger, instagramer, appassionati di fotografia e tutti quello che sono attivi sui social media.

Che obiettivo si pone l’invasione?
Diffondere la cultura dell’utilizzo di internet e dei social media per promuovere e diffondere il nostro patrimonio culturale!

Come verranno raccolti e divulgati i contenuti?
Se partecipi ad un’invasione usa il tag #invasionidigitali.
Per promuovere l’iniziativa verranno usati Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Youtube e tutti i contenuti realizzati saranno aggregati qui.

Leggi ed aderisci al manifestodell’iniziativa.

Vuoi realizzare una tua invasione?
Leggi qui come fare.

Vuoi partecipare ad un evento già organizzato?
Trova qui l’invasione più vicina a casa tua.

Se abiti vicino Firenze ti segnalo l’invasione organizzata da Valentina, Alessandro, Ilaria e me.
invasioni digitali
Giorno: 24/04/2013
Ore: 10:30
Luogo: Museo Richard Ginori, Sesto Fiorentino
Cosa: Invasione al museo della manifattura delle porcellane Richard Ginori
Iscriviti all’evento! Ti aspettiamo a Sesto Fiorentino.

Abbiamo preso la decisione di andare alla Richard Ginori in quanto, vista la situazione triste e burrascosa che la fabbrica sta vivendo, l’iniziativa punta anche a lanciare un messaggio di speranza, soprattutto per gli stessi operai, affinché la fabbrica non chiuda.

Partecipa agli eventi in programma, invadi i musei con smartphone, video e fotocamere e condividi tutto sui social media aiuterai così nella promozione del patrimonio culturale dell’Italia!

One Pingback/Trackback