Viaggi e Web 2.0

Koh Kood Thailandia

Koh Kood Thailandia.

La Thailandia ormai è troppo turistica. La Thailandia ormai non è più quella di una volta. In Thailandia ci sono le prostitute. In Thailandia bla bla bla..

Se ne sono dette e se ne dicono tante sulla Thailandia, tra cui che ormai non è facile trovare un posto che non sia stato cambiato dal turismo, e questo, è in parte vero.
Non sono rimasti molti i posti dove i locali non ti vedono come un portafoglio che cammina, ma come una persona, con la quale scambiare un sorriso e fare due chiacchere la mattina a colazione.
Se vai in alcune tra le principali isole del sud, come Koh Phi Phi, Koh Samui, Pukhet e sottolineo Koh Phi Phi, per quanto belle possano essere state negli anni del loro splendore, e immenso deve essere stato lo stupore dei primi intrepidi backpackers che si sono ritrovati a camminare nelle lunghe spiagge di sabbia bianca e a godersi in pace lo spettacolo delle pareti di roccia a picco sul mare (l’hai visto il film The Beach con Leonardo di Caprio? parla proprio di questo, non è niente male te lo consiglio)… quei giorni sono ormai un lontano ricordo.
Koh Kood Thailandia
Ma questo non è necessariamente un problema, infatti, sono molte le persone che anzi, preferiscono quello che anni e anni di turismo ha prodotto.
Rilassarsi in comodi lettini in spiaggia, sorseggiare cocktail con il sole rosso che tramonta nel mare, godersi i famosi massaggi Thai sulla spiaggia e gustarsi il cocco appena raccolto dall’albero.
Koh Kood Thailandia
Niente male vero?
In effetti, se vieni dal freddo inverno europeo, con lo stress del lavoro ancora dentro la testa e la sola voglia di non pensare più a niente questo sembra proprio quello che ci vuole.
E allora dov’è il problema?
Il problema è che poi a questo si abbinano anche… centinaia di tuk tuk e motorini in giro per le strade, australiani ubriachi, turisti, turisti e ancora turisti. E così, la spiaggia che ti sei immaginato tutta per te, semplicemente non esiste più.
Ma…. non disperare!!!
Koh Kood Thailandia
Proprio in questo momento sono di ritorno da un’isola, un po’ remota… ma neanche tanto.
Anche qua, ci sono i massaggi sulla spiaggia, i chioschi di legno dove sorseggiare un cocktail con il sole rosso che tramonta nel mare e i cocchi appena raccolti dall’albero, ma… giusto un po’. Senza esagerare. Ce ne sono il giusto.
Koh Kood Thailandia
Quest’isola dei sogni si chiama Koh Kood. Sta a est, proprio vicino al confine con la Cambogia e alla più famosa Koh Chang.
C’è praticamente una sola strada asfaltata che la percorre, cascate nell’interno, qualche templio, alcuni ristoranti niente male e poi… spiagge, mare e sole.
Koh Kood Thailandia
La sera, di notte, c’è il rumore della natura, i grilli e le cicale in amore, forse anche troppe (quando andrai capirai) e i rospi che ti attraversano la strada.
Ma sbrigati perché questo paradiso non durerà in eterno, la prima banca è arrivata sull’isola (fino a neanche un anno fa non era possibile ritirare i soldi) e alcuni investitori stanno iniziando a capire le potenzialità di questo luogo.
Parlando con una coppia di inglesi, una di quelle coppie che la sa lunga e che da anni l’inverno lo passano abbronzati da qualche parte in giro per l’Asia, Koh Kood… è semplicemente il meglio che c’è.
Koh Kood Thailandia
Come arrivare a Koh Kood?
Da Bangkok puoi prendere un autobus da Ekkamai Station fino a Trat. Ci mette circa 5/6 ore, ovviamente dipende dal traffico e a Bangkok c’è sempre traffico. Costa poco più di 5€. Se arrivi la sera puoi fermarti a dormire a Trat. Qua, in qualsiasi guest house o hotel puoi comprare il biglietto per la barca del giorno dopo che include anche il “taxi” fino al porto (sono una ventina di minuti).
Koh Kood Thailandia
Per chi vuole, c’è anche il volo diretto Bangkok-Trat.

Buon viaggio!