Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Corridoio Vasariano a Firenze

Corridoio Vasariano a Firenze

, / 0

Corridoio Vasariano a Firenze.

Sono una che non si lascia sfuggire le buone occasioni. Prendo al volo quello che mi capita e resto sempre informata sui nuovi eventi che mi circondano. Grazie a questo mio modo di vivere sono riuscita a trovare posto e prenotare una delle visite guidate al Corridoio Vasariano di Firenze in programma da febbraio ad aprile 2014 organizzate dalla Direzione della Galleria degli Uffizi.
In questo modo ho potuto ammirare la bellezza di questo luogo, non sempre aperto al pubblico, e risparmiare diversi soldi in quanto queste visite sono comprese nel prezzo del biglietto d’ingresso degli Uffizi [più la prenotazione].

Ma cos’è il Corridoio Vasariano?
Corridoio Vasariano a Firenze
Un percorso sopraelevato, lungo più di un chilometro, che collega Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti passando per gli Uffizi. Questo era un collegamento segreto che veniva usato dai Granduchi. Si potevano muovere liberamente, senza bisogno di scorte, dalla loro residenza privata al palazzo del governo. Fu voluto, nel 1565, dal granduca Cosimo I in occasione del matrimonio del figlio Francesco con Giovanna d’Austria. L’architetto fu il grande Giorgio Vasari che lo realizzò in soli 5 mesi e al quale è dedicato un posto in prima fila nel lungo corridoio di autoritratti all’interno del Corridoio.
Entrando, e iniziando il tuo percorso dal terzo Corridoio degli Uffizi, sarai avvolto in un manto di mistero e curiosità. Ti sentirai un privilegiato ad essere lì dentro. Verrai catapultato indietro nel tempo anche grazie ai racconti della guida del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) che ti accompagnerà durante tutta la visita.
Potrai ammirare Firenze dall’alto, da un punto di vista poco conosciuto. Il tuo sguardo si perderà nell’Arno, tra le botteghe degli orafi e i passanti di Ponte Vecchio. Vedrai quello che non avevi mai visto, ti sembrerà di curiosare, senza farti vedere, nella vita che scorre in basso. Passo dopo passo ti si apriranno nuove vedute, nuove finestre panoramiche rivolte verso il Ponte Santa Trinita, ammirerai nuovi scorci.
Corridoio Vasariano a Firenze
Scoprirai che all’estremità del Ponte Vecchio il Corridoio gira attorno alla Torre dei Mannelli la quale, per volere della famiglia Mannelli, non fu abbattuta quando venne deliberata la costruzione del passaggio segreto. Inoltre, oltrepassato l’Arno, ti ritroverai a curiosare all’interno della Chiesa di Santa Felicita in quanto il Corridoio passa sopra il loggiato della sua facciata. In questo modo la famiglia granducale poteva assistere alle funzioni senza essere vista e senza mescolarsi al popolo.
All’interno di questo percorso potrai ammirare una collezione di Autoritratti ed importanti raccolte di dipinti del Seicento e del Settecento. Il percorso moderno, che parte dalla Galleria degli Uffizi, termina ai Giardini di Boboli presso la Grotta del Buontalenti dove però non potrai entrare in quanto ti servirebbe un altro biglietto.
Corridoio Vasariano a Firenze
Per accedere a questo luogo magico e misterioso dovrai prenotare una visita guidata organizzata da associazioni, agenzie oppure, in alcuni periodi dell’anno (come ora), dagli stessi assistenti alla Sopraintendenza del museo. I gruppi sono sempre da circa 25 persone o comunque con un numero limitato viste le dimensioni piuttosto ridotte del passaggio.

Mi raccomando non farti sfuggire un’occasione del genere.
Prenota, appena puoi, la tua visita al Corridoio Vasariano!