Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Costa Rica, itinerario di tre settimane

Costa Rica, itinerario di tre settimane

, / 0

Costa Rica, itinerario di tre settimane.

Se stai organizzando il tuo viaggio in Costa Rica ti consiglio di leggere subito questo articolo.
Dopo aver comprato il biglietto del volo, aver fatto l’assicurazione e preparato tutti i documenti necessari per il tuo viaggio, è ora di pensare all’itinerario!

Itinerario di tre settimane

Vuoi vivere un’esperienza completa? Ti piacerebbe inserire nell’itinerario un mix di mare, natura e attività? Allora sei arrivato nel posto giusto!

Oggi ti svelerò il mio itinerario per un viaggio di 3 settimane in Costa Rica. Prima di partire mi sono informata, ho letto e studiato, ho fatto ricerche e, con il mio compagno, ho costruito un perfetto itinerario ad hoc per il nostro viaggio.

3,2,1…si parte!

Alajuela

Con il volo dell’Iberia siamo atterrati a San José, dopo un breve scalo a Madrid. Arrivati nel primo pomeriggio, stanchi dal viaggio e frastornati dal cambio immediato di stagione, ci siamo infilati in un taxi per raggiungere il nostro primo appartamento Airbnb [se non sei ancora iscritto al sito, contattami e ti invierò un link per ottenere uno sconto alla prima prenotazione].

Il breve viaggio in taxi è servito subito per farci prendere bene il viaggio. Con un sorriso smagliante siamo andati incontro ai primi host, una coppia di costaricani simpatici e accoglienti, di Alajuela.

Primo consiglio: la capitale San José è caotica, trafficata, piena di smog, con poco da vedere e pericolosa. Sotto consiglio di amici, che erano già stati in Costa Rica, e di local, conosciuti in rete prima della partenza, abbiamo deciso di evitarla. Per questo ti consiglio di fare la prima e l’ultima notte a Alajuela, cittadina dove si trova anche l’Aeropuerto Internacional Juan Santamaría [17 chilometri dalla capitale].

Il giorno seguente, grazie alle indicazioni dei nostri host, abbiamo utilizzato Uber per raggiungere il capolinea dei bus con direzione Caribe.



Caribe

Il biglietto puoi tranquillamente comprarlo il giorno stesso al Terminal del Caribe, Autotransportes MEPE. Recati lì con un pò di anticipo rispetto all’orario della partenza del tuo bus per non rischiare di dovere attendere quello successivo.
Se preferisci puoi anche chiamare il Terminal il giorno prima e farti riservare un posto.


Contatti
Transportes Mepe
Números de Teléfono:
San José: (506) 2257-8129
Limón: (506) 2758-1572
Puerto Viejo: (506) 2750-0023

4 ore e mezzo di viaggio, una spesa di circa $10, un caldo infernale, gente seduta ovunque e siamo arrivati a Puerto Viejo de Talamanca. La cittadina più carina e pittoresca del Caribe del Costa Rica.

Costa Rica, itinerario di tre settimane

Il Caribe è sicuramente una tappa imperdibile in un viaggio in Costa Rica. Questa zona del paese regala spiagge incontaminate, natura selvaggia, parchi da visitare, possibilità di praticare il surf e tanto altro.
Il mezzo più comodo per girare qui è la bicicletta che potrai affittare giornalmente in uno dei tanti negozietti del centro di Puerto. Per dormire, invece, ti suggerisco di prenotare in un ostello o in una guesthouse.

In Caribe, dove ci siamo fermati per quattro notti, abbiamo visitato il Parque Nacional Cahuita, la meravigliosa spiaggia di Punta Uva, Cocles, Manzanillo, Chiquita e Playa Negra.
Ma di questo ti parlerò più avanti in un post tutto dedicato al Caribe del Costa Rica.

Parque Nacional Tortuguero

Con già la nostalgia nel cuore, il 13 marzo abbiamo ripreso il nostro zaino e siamo partiti alla volta del Parque Nacional Tortuguero.
Situato sempre nella costa dei Caraibi, il parco si raggiunge in diversi modi. Per non perdere troppo tempo e per essere sicuri di trovare posto, abbiamo prenotato il biglietto del transfer prima di partire. In centro a Puerto si trova l’agenzia locale Terraventuras che si occupa degli spostamenti interni. Precisi, cordiali, puntuali.
Si parte con lo shuttle da Puerto e si raggiunge Limón dove ci si imbarca con destinazione Tortuguero.

Nella minuscola e super turistica cittadina del Parco ci sono tantissimi host pronti ad accoglierti e, anche in questo caso, come per tutto il viaggio, ci siamo affidati ad Airbnb.
Il nostro Bill ci attendeva al molo! Qui troverai le agenzie locali per prenotare le escursioni nel Parco.

Secondo consiglio: ti suggerisco di prenotare un giro in canoa o kayak alle prime luci dell’alba. Se ti propongono l’escursione notturna per vedere le tartarughe deporre le uova, accertati che sia il periodo giusto per ammirarle.

Costa Rica, itinerario di tre settimane


Monteverde

Il giorno seguente, dopo aver fatto l’escursione, siamo ripartiti. La meta finale era Monteverde ma l’abbiamo raggiunta solo a notte fonda. Altrimenti, col senno di poi, sarebbe stato meglio fermarsi per una notte nuovamente a Alajuela.
Guarda la cartina del Costa Rica e capirai che ogni volta per spostarti da est a ovest è necessario passare da lì.

Sempre con il transfer di Terraventuras abbiamo raggiunto Alajuela [il tempo del viaggio dipende dal traffico e dalla quantità di acqua che si trova nei canali del Tortugero]. Lì ci attendeva la nostra macchina, utilissima compagna di avventure per il resto del viaggio.
Da Alajuela a Monteverde sono circa tre ore di viaggio e, nell’ultimo tratto, la strada è di montagna, non asfaltata e buia. Quindi: attenzione massima!
Monteverde è la cittadina dove l’adrenalina sta di casa. Canopy tour, Tarzan swing, ponti sospesi, bungee jumping e tanto altro.
Ti basterà scegliere un parco e partire all’avventura per un’intera giornata!

Costa Rica, itinerario di tre settimane

Rio Celeste

Una tappa che non tutti fanno ma, a parere mio, fantastica! Potrai decidere se fare la camminata all’interno del parco con o senza guida. Anche la strada che porta in questa zona è dissestata, quindi procedi lentamente e cogli l’occasione per ammirare la meravigliosa natura che ti circonda.

Terzo consiglio: affitta un paio di stivali prima di entrare nel parco. Ti saranno utili per camminare nel sentiero fangoso con agilità. Qui spesso, o forse sempre, piove. Quindi armati anche di k-way!

Il Rio Celeste si trova all’interno del Tenorio Volcano National Park e, come per tutti i parchi, l’entrata è a pagamento. Ma vale assolutamente la pena dedicare una giornata del tuo viaggio a questo azzurro miracolo della natura 😉

Costa Rica, itinerario di tre settimane

Tamarindo

Detta anche Tamagringo. Questa località, inserita nel Parque Nacional Marino Las Baulas de Guanacaste, è molto turistica, piena di americani e di hotel. Abbiamo passato qui tre notti perché le spiagge circostanti, e la stessa Playa Tamarindo, sono eccezionali.

Da non perdere Playa Grande e Playa Avellanas dove il tramonto, con i suoi colori, ti ruberà il cuore.

Samara

La tappa successiva di questo itinerario è Samara, una cittadina con un’atmosfera rilassante e felice. Qui potrai oziare in spiaggia tutto il giorno oppure prendere lezioni di surf e dedicarti allo sport.

Prima di giungere a Samara fai tappa a Playa San Juanillo, un lembo di sabbia dove vivere la pura vida e fare un bagno in acque cristalline.

La strada, lungo questo tratto di costa, è quasi tutta dissestata e non vedrai asfalto per centinaia di chilometri. Quando pianifichi le tue partenze considera questo fattore!

Nei dintorni di Samara si trova Playa Barrigona, una spiaggia incontaminata e selvaggia.

Costa Rica, itinerario di tre settimane

Montezuma

Detta anche, affettuosamente, Montefuma.

Prima di giungere qui fai tappa a Santa Teresa per godere della sua atmosfera magica, fare una lezione di yoga e continuare la tua pratica con il surf.

Considera che anche qui le strade sono pessime. Per fare 30 chilometri, da Samara a Santa Teresa, impiegherai circa un’ora. 

Altre tre notti a Montezuma, dove ho lasciato di nuovo il cuore. Una cittadina tranquilla con persone alla mano, musica, drink fantastici e escursioni deliziose. A Montezuma visita le cascate, raggiungibili a piedi dal centro cittadino, recati alla Reserva Natural Absoluta Cabo Blanco e goditi Playa los Cedros.

Costa Rica, itinerario di tre settimane

Manuel Antonio

Ultima tappa del nostro itinerario.
Per raggiungere questo parco prendi da Paquera il traghetto per Puntarenas e da lì prosegui in macchina fino a Quepos. Lungo il tragitto fermati al Rio Tarcoles per ammirare i coccodrilli 😉
Il Manuel Antonio Nature Park è un luogo magnifico. Mix di spiagge pazzesche e natura incontaminata. Dato che il Parco è anche molto turistico ti consiglio di recarti qui molto presto la mattina per goderti la passeggiata in quasi assoluta tranquillità. Dopo aver percorso tutti i sentieri possibili, aver ammirato gli animali [curiosi] e i panorami imperdibili, fermati in spiaggia per concludere la tua giornata in completo relax!

Costa Rica, itinerario di tre settimane

Il giorno seguente ci attendeva di nuovo Alajuela. Ma prima di salutare questo meraviglioso paese ci siamo recati al Poás Volcano National Park. Se sarai fortunato potrai ammirare un vulcano meraviglioso coperto quasi sempre dalle nubi e dalla foschia.

Costa Rica, itinerario di tre settimane

Il nostro itinerario era, purtroppo, terminato.

Quarto consiglio: rispetto al mio itinerario ti suggerisco di fermarti una sola notte a Tamarindo o saltare completamente la tappa per aver altri giorni a disposizione per scendere fino alla Penisola di Osa e visitare il Parque Nacional Corcovado.

Nei prossimi articoli ti racconterò nel dettaglio le singole zone visitate, stay tuned!