Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Lago Atitlan de Guatemala

Lago Atitlan de Guatemala

, / 2

Lago Atitlan de Guatemala.

Uno dei luoghi magnifici che porto ancora nel cuore è il Lago Atitlan de Guatemala. Culla di energie mistiche e positive che ti rapiscono la mente e ti fanno volare in un universo parallelo.
Dalla città di Antigua ci vogliono circa tre ore [120 km] per raggiungere questa meta caratterizzata da una natura imponente e incontaminata. Il Lago Atitlan de Guatemala ha una forma irregolare così come ti sentirai tu quando visiterai uno dei 13 paesini sulle sue sponde. Calmo e limpido come uno specchio si trasforma in agitato quando, al pomeriggio, soffia lo xocomil.
Circondato da massicci vulcanici e ripide montagne in questo luogo potrai respirare una frizzante aria di cultura Maya.

La nostra prima tappa è San Juan La Laguna. Qui visitiamo l’associazione Lemà: un gruppo di donne indigene che lavorano i tessuti con colori naturali.
Lago Atitlan de Guatemala
Con la voce carica di passione e gli occhi che brillano, la responsabile dell’associazione, inizia a raccontarci la loro storia. Le noti dolci e pacate delle sue parole ci guidano in un percorso colorato che giunge alla dimostrazione di come lavorano i tessuti. Amore e tranquillità regnano in quest’oasi di pace ai confini del mondo. Una manualità impressionante conduce le mani della signora a produrre opere d’arte.
Accanto al cortile dove lavorano hanno un negozio dove potrai impazzire di gioia. Borse, sciarpe, tende, amache: colori naturali e pastello si appoggiano delicatamente su questi oggetti che ti ritroverai, sicuramente, a comprare.

San Pedro La Laguna è un altro dei paesini che si affacciano sulle rive del Lago Atitlan de Guatemala.
Qui abbiamo trovato un alloggio per passare la notte: Hotel Mansión del Lago con camere semplici, spartane e molto pulite, viene gestito da locali. Il sole inizia a calare e noi, nell’oscurità, ci addentriamo per vicoli bui e stretti. Attraversiamo un giardino a giungiamo da Zoola, un locale dove regna un’atmosfera molto rilassata. Dei comodi cuscini saranno la nostra base per la serata. Una musica reggae in sottofondo, lampadari tondi e luci soffuse e qui conosco Gloria. Una ragazza guatemalteca con cui entro subito in confidenza: le nostre parole sono guidate da una sensazione di benessere e di energia positiva. Mangiando una torta salata ricca di verdure, curiosa, ascolto le storie mistiche e ambigue della mia nuova amica. Una coperta e un frullato per continuare la sera da Zoola in un mix di risate, chiacchiere e foto ricche di ombre. Quando ad un certo punto la luce ci abbandona. E’ giunto il momento di ritrovare l’hotel, di salutarci e di lasciarci travolgere dalla notte che cupa risplende sul Lago Atitlan de Guatemala.

La mattina ha tutto un nuovo sapore. Le meraviglie del lago ci attendono. Una colazione con gli occhi che puntano verso l’infinito. Le dolci acque del Lago Atitlan de Guatemala sono lì davanti a me mentre una tovaglia colorata decora la tavola del nostro buongiorno.
Lago Atitlan de Guatemala
Una lancia ci fa sfrecciare lontano: la prossima destinazione è Santiago Atitlan. Andreas, un bambino di circa 6 anni, ci corre incontro. Scalzo e con vestiti pieni di buchi: vuole farci da guida. Lo riempirei di baci, troppo dolce e tenero.
I negozi di artigianato e il mercato domenicale pullulano di persone: diventa impossibile camminare. Ma a Santiago è anche uno dei paesi dove si può far visita al Santo Maximon, il santo peccatore. Durante la Settimana Santa la sua effige viene fatta sfilare per le strade, vestito come un occidentale e con in bocca un sigaro acceso. Non ti fare troppe domande, non lasciare vincere i pregiudizi, guarda e viviti il momento. Ogni anno una nuova dimora lo attende ma quando giungerai in paese la prima parola che sentirai sarà: Maximon? E troverai qualcuno che ti ci accompagnerà. In una stanza in penombra, circondato da custodi, lo troverai disteso a fumare una sigaretta. Una processione impressionante di persone vengono qui per chiedergli aiuto. Maximon, parte della religione indigena, accetta sigarette, soldi e rum.
Illuminati da fioche candele ascoltavamo la storia del santo fumatore. Anche se ti sentirai di ridere e divertirti mi raccomando, sii prudente, non è un gioco. Lasciati trasportare da questa esperienza senza rimanere inquietato o indifferente.
Lago Atitlan de Guatemala
Il Lago Atitlan de Guatemala ci attende di nuovo. Un giro in barca è il modo migliore per apprezzare la sua potenza e percepire la sua energia. Attorno, la vista dei vulcani, ti saprà far tornare alla realtà. Lungo le sponde ci sono anche delle piccole insenature dove fermarsi per godersi un paio di ore di sole e contemplare il lago, magari facendo yoga o meditando. Questo è uno di quei luoghi che ti ispirano fiducia in te stesso e ti fanno vedere la luce. Quasi impossibile da descrivere la sensazioni provate sulla mia pelle.

Rientrando a San Pedro saliamo a bordo di un tuk-tuk e sfrecciamo verso San Marcos La Laguna.
Lago Atitlan de Guatemala
Si tratta di un paradiso della filosofia alternativa e new age. Correnti spirituali, psicologiche e sociali si intrecciano dando vita a San Marcos. Immerso nel verde e pieno di centri dove fare massaggi o praticare yoga, sembra di essere davvero arrivati in paradiso. Peccato però che quando si viaggia si perda il conto dei giorni. E’ domenica e qui sono quasi tutti, giustamente, chiusi. Il massaggio si trasforma in una pizza. E qui conosco David, un ragazzo argentino che gira vendendo i suoi racconti. Quegli incontri casuali che ti lasciano dentro un qualcosa che non so spiegare. Quando mi disse “scrivimi e vienimi a trovare in Messico”, mi sono sciolta. Gli artisti maledetti mi fanno quest’effetto.

Si rientra alla base per passare l’ultima notte sulle rive del Lago Atitlan de Guatemala. Sento già nostalgia di questo posto che in due giorni mi ha fatto innamorare di questa terra dai riflessi così scomposti e surreali. Ma l’ultima sera va ancora vissuta e così, camminando e cercando qualcosa da mangiare, incontro nuovamente Gloria. Il suo sorriso illumina la mia anima ed è bello abbracciarla di nuovo.

Un ultimo frullato da Zoola prima di andarci a divorare nuovi sogni in una notte ricca di stelle e profumata di vita.

13 Condivisioni
escort kuşadası escort kayseri escort çanakkale escort tokat escort alanya escort diyarbakır escort çorlu escort malatya izmit escort samsun escort