Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Tour della Svizzera

Tour della Svizzera

, / 3

Tour della Svizzera.

I ricordi tornano alla mente e un sorriso illumina il mio volto. Oggi, ripensando ai viaggi fatti negli anni, ho ricordato il tour della Svizzera. Sono passati tanti anni che avrei proprio bisogno di tornare da quelle parti per vivere di nuovo quelle emozioni. Questo viaggio di circa 6 giorni, condiviso con i miei genitori e altri compagni di avventure, è rimasto nel mio bagaglio culturale che mi accompagna giorno dopo giorno verso un futuro dove ormai la parola viaggio, per me, significa vita.

Per l’occasione avevamo affittato un pulmino ed eravamo partiti, carichi di energia e di voglia di scoprire questa destinazione, in una calda domenica di luglio. L’estate, che stavamo vivendo, riscaldava gli animi e colorava di luce i paesaggi che lentamente scorrevano fuori dal finestrino. Abbiamo macinato tantissimi chilometri senza mai smettere di sorridere e chiacchierare. L’adrenalina di scoprire, esplorare e decidere strada facendo il nostro itinerario per il tour della Svizzera ci teneva attivi.

La prima tappa che ci attende è Lugano.

Una luce meravigliosa illuminava le rive del suo lago. Ci troviamo qui nel Cantone Ticino, la Svizzera italiana. Un clima mite ci ha fatto compagnia mentre costeggiavamo il lungo lago e ammiravamo le vette dei Monti Brè, San Salvatore e Sighignola. Splendidi paesaggi da cartolina, possibilità di fare escursioni in bici e a piedi nel Parco del Belvedere, ricca di musei da visitare. Così Lugano ci ha accolti a braccia aperte. Se ami l’arte etnica non puoi perderti il Museo delle Culture, ospitato nella Villa dell’Heleneum, situata in riva al lago e circondata dal verde. Ma non è l’unico. In città potrai anche visitare il Museo d’Arte e il Museo di Storia Naturale e rifocillarti all’interno dei grotti, locali caratteristici dove assaggiare la cucina della Svizzera italiana.

Era di nuovo mattina e il nostro tour della Svizzera volava già verso un altro cantone. Abbandoniamo la lingua italiana e iniziamo a sentire parlare tedesco. Incomprensibile.

Solo un signore del gruppo lo conosceva e ci ha fatto da interprete-cicerone per i giorni passati qui. 
Lucerna, nella Svizzera centrale, è bagnata dal Lago dei Quattro Cantoni. I monti Rigi, Pilatus e Stanserhorn la tengono stretta e la proteggono. La città delle piazze e delle chiese è un luogo pittoresco dove lasciarsi trasportare da un battello a vapore alla scoperta delle bellezze del suo lago. Attraversare il Kapellbrücke, un antichissimo ponte di legno, simbolo di Lucerna e giungere alla KKL dove si trova anche il museo d’arte.

Il tour della Svizzera continua danzando sulle note della lingua tedesca e giungiamo a Berna.

Il suo centro storico, perfettamente conservato, è Patrimonio Mondiale UNESCO. Un’atmosfera medievale scandirà le tue giornate in città. La porta per le Alpi è la culla ideale per chi ama la vita all’aria aperta ma anche per chi predilige visite a musei e luoghi di cultura. Il Centro Paul Klee, progettato da Renzo Piano, contiene la collezione più importante di opere dell’artista e io non potevo assolutamente perdermelo!
Ti rilasserai passeggiando sotto i portici medievali di Berna e godrai del suo meraviglioso e pittoresco panorama, cullato dall’Aare, facendo una passeggiata verso il giardino delle rose affacciato sulla Fossa degli orsi [l’orso è il simbolo di Berna], altra tappa da non dimenticare in città.

Una natura incontaminata disegna l’itinerario del nostro tour della Svizzera e, costeggiando il fiume, giungiamo ad un nuovo lago.

Siamo a Thun, la città situata sull’estremità inferiore del lago omonimo. Qui si erge imponente un castello del XII secolo che contiene un Museo di Storia. Una tappa veloce, per godere di una pausa di gusto in uno dei ristorante situati lungo l’Aare, prima di ripartire.

Ma il tour della Svizzera non può finire qui, dobbiamo prima scoprire la zona romanda dove la lingua ufficiale è il francese. L’ultima tappa che ci attende è la deliziosa Ginevra. Considerata Capitale della Pace [qui si trova la sede europea dell’ONU e la sede principale della Croce Rossa], Ginevra è situata in un’insenatura ed è bagnata dal lago omonimo. Il jet d’eau, fontana con un getto che crea una colonna d’acqua alta 140 metri, è il simbolo della città.

Respira aria pura passeggiando per le antiche vie e i nascosti vicoli di Ginevra, rilassati in una panchina del parco ammirando il pittoresco panorama, fai una crociera sul Lago Lemano e prendi le Mouettes per passare da una riva all’altra. In quanto città dell’orologeria di lusso dedica qualche ora alla visita del Museo Internazionale dell’Orologeria, dove potrai ammirare una ricca collezione di carillon e orologi.

A conclusione del nostro tour della Svizzera abbiamo deciso poi di non tornare indietro ma di proseguire verso il Passo del San Bernando per rientrare in Italia dalla Valle d’Aosta.
Un itinerario ricco di meraviglie paesaggistiche, centri culturali, squisitezze culinarie, ideale da fare durante la bella stagione. Se vuoi proseguire e allungare il tour della Svizzera fino a Zurigo, qui trovi informazioni dettagliate su questa città del nord.

Ricordo piacevolmente ogni singolo momento di questo viaggio. Momenti condivisi, sorrisi scambiati, pensieri intercettati. Ti penso e ti dedico i miei ricordi più affettuosi.
Se hai pochi giorni a disposizione o preferisci suddividere il tuo viaggio tra Svizzera e Regno Unito, ti consiglio di ripercorrere i miei passi giungendo però a destinazione con un volo. Una volta arrivato in Svizzera potrai sempre affittare una macchina o usare i treni locali per spostarti tra le varie città. Le offerte voli Easyjet su Volagratis propongono interessanti tariffe da/per Ginevra [da Londra].
Per quanto riguarda il soggiorno, durante il tuo tour della Svizzera, potrai tranquillamente scegliere la sistemazione più adatta alle tue esigenze lungo il percorso.

Ora come ora avrei tanta voglia di tornare di nuovo da quelle parti per godermi altri attimi verdi e luminosi lasciando cullare i miei pensieri dal vento che leggero vibra ai lati di un lago pacifico.

One Pingback/Trackback