Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

, / 0

Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini.

I viaggi sono come i libri. A volte capita che in un determinato momento della vita, in modo inaspettato, trovi quello perfetto: quello che ti cura, quello che ti apre il cuore alla speranza, quello che ti fa sentire capita e meno sola, quello che acquista un significato speciale.
Il Tirolo per me è stato come uno di quei libri che trovi in libreria quasi per caso, di cui ti attira la copertina, il numero di pagine non è troppo impegnativo, la descrizione non è del tutto banale e ti dici “è lui che sta scegliendo me!”.

Alla fine di un’estate piena di dubbi e malinconie si presenta l’occasione di fare questo viaggio con la mia cara amica Sara [la copertina], un week-end a pochi passi dall’Italia [numero di pagine], un paesaggio dai colori brillanti che [la quarta di copertina].
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Il tempo di scendere dal treno e sistemare le valige all’Hotel Gappen, e già siamo in marcia verso la prima tappa di questo week-end dal programma fittissimo: il Museo dei Masi Tirolesi di Kramsach [Museum Tiroler Bauernhöfe]. Si tratta di un museo etnografico, un particolare museo che rappresenta la vita sociale e culturale di un popolo, fondato nel 1974 con l’intento di riunire in un unico luogo tutte le tipologie di case contadine presenti nel territorio. Nella vallata di circa 8 ettari sono distribuite infatti 14 fattorie con 23 edifici accessori, tutte con arredi originali e tradizionali. Appare subito chiaro che i contadini sono da sempre una colonna portante di questa regione, un piccolo tesoro da preservare, di cui proteggere e tramandare tradizioni e stili di vita.
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Le fattorie sono riunite in un villaggio, visitabile con una passeggiata di qualche ora tra prati, giardini fioriti, boschi e laghetti. Insieme alle case, testimonianza di una cultura ormai scomparsa, si incontrano i luoghi della vita contadina e sociale del Tirolo: l’aia per la trebbiatura, i granai, il mulino, la segheria, le cappelle, la scuola, le cantine e le dispense. Entrando nei masi costruiti tra il 1500 e il 1800, si ha come l’impressione che le persone che le abitavano siano appena uscite e stiano per tornare da un momento all’altro.
Calpestare quei pavimenti, con il legno che scricchiola sotto ai piedi, curiosare per le camere da letto, le cucine con i loro vasellami e strumenti dimenticati, nelle stalle o nelle dispense, provoca un sentimento di profondo rispetto. Tutto sembra umile e modesto, segno di una vita pratica e perfettamente organizzata, una vita scandita dal lavoro e dai ritmi stagionali. Una vita che doveva essere anche ricca per l’epoca, in una terra così generosa.
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

La vita era sicuramente più dura di quella di adesso, senza le comodità che oggi ci sembrano normali. Ma immagino per un attimo che tutte queste strutture appartenessero a un vero unico villaggio e provo un senso di protezione e tenerezza. Tutto mi sembra facile. Gli abitanti sapevano dove iniziava e finiva il loro mondo, all’interno del quale c’era tutto quello di cui avevano bisogno, organizzato e funzionale. Quello che abbiamo oggi mi appare all’improvviso superfluo. C’è un clima così familiare che verrebbe voglia di fermarsi, di vivere per un po’ in questa vita scomparsa. Stancarmi così tanto per le faccende quotidiane da non avere più la forza per pensare e piano piano disimparare a farmi problemi inutili, a correre dietro pensieri contorti eternamente insoddisfatti…
tornare all’essenziale.
Ma in fondo siamo fatti di sogni, desideri e curiosità che ci portano a viaggiare, esplorare e prima o poi tutti i confini, per quanto comodi, sembrano stretti. Riprendiamo il cammino, cresciamo, ma non ci dimentichiamo da dove siamo venuti.
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Un programma di manifestazioni, mostre e visite guidate, molto frequenti nella stagione primaverile ed estiva, illustra e ricostruisce la vita negli antichi masi. Da segnalare la Kirchtag [sagra] che si svolge l’ultima domenica di settembre in cui si può osservare il lavoro che svolgevano gli artigiani tirolesi: dai maniscalchi ai vasai, dagli intagliatori alle ricamatrici, ma anche la produzione di pane e di formaggio, tutto accompagnato da musica e balli popolari.
Uno spazio particolarmente adatto anche ai bambini, non solo per la possibilità di scorrazzare per i meravigliosi prati, ma anche per la presenza di numerose stazioni interattive che spiegano in modo divertente e giocoso come si svolgeva la vita nei villaggi.
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Per il ritorno in albergo Sabine, dell’ente del turismo, ci consiglia di fare una passeggiata di qualche chilometro costeggiando i laghi della zona. Siamo un po’ stanche dal viaggio, dalla passeggiata tra i masi tirolesi, ma sappiamo che è un’occasione che non ci possiamo perdere e le energie ritornano, insieme all’emozione per questa nuova piccola avventura che ci godremo da sole. I Kramsacher Seen sono i laghi alpini che circondano il paese di Kramsach collegati da piccoli sentieri che si snodano tra una bellissima foresta di conifere.
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Non sappiamo precisamente la strada che dobbiamo fare, ma seguiamo la passeggiata guidate da un senso di pace e armonia. Il maestoso Reintalersee e il più piccolo Krummsee si estendono alla nostra destra. Specchi d’acqua ricca di colori e sfumature. La natura riempie gli occhi e la mente, fresca, brillante e calma. La stagione estiva è agli sgoccioli e incontriamo pochissime persone lungo il cammino. D’estate è il luogo ideale per bagni rinfrescanti e relax tra la natura e per questo è molto frequentato.
In quest’equilibrio perfetto il mio sguardo vola dalle montagne alle cime degli alberi, corre giù verso il verde e raggiunge una piccola barchetta di legno che disegna linee sinuose e perfette sulla superficie piatta dell’acqua. L’acqua del lago ha un potere ipnotico, non mi stancherei mai di guardare questo paesaggio, tanti sono i particolari che vorrei imprimere con forza nella memoria. Una passeggiata che comincia a calmarmi il cuore.
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Ora so che questo viaggio non è capitato per caso: era quello di cui avevo bisogno. La memoria e il passato, saldo e imprescindibile. Un paradiso di tranquillità e armonia che mi rimette in equilibrio con la natura e con il mio elemento naturale, l’acqua. C’è così tanta bellezza che nient’altro ha importanza.
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Finalmente arriviamo in albergo sane, salve e felici.
Un piccolo aperitivo ristoratore prima di prepararmi a quello che il Tirolo vorrà insegnarmi domani.
Kramsach il Museo dei Masi e i laghi alpini

Informazioni sul Museo dei Masi Tirolesi a Kramsach:
Museum Tiroler Bauernhöfe
Angerberg 10
A-6233 Kramsach, Österreich
Tel.: +43 (5337) 62636
Fax: +43 (5337) 63578
E-Mail: office@museum-tb.atinfo@museum-tb.at

Orari di apertura:
dalla Domenica delle Palme ad aprile e nel mese di ottobre: 9.00 – 17.00, ultimo ingresso alle 15.30
da maggio a settembre 9,00 – 18,00: ultimo ingresso alle 16.30.

Prezzi:
Ingresso con la Alpbachtal Seenland Card: Gratis
Adulti: 8 €
Bambini fino a 5 anni: Gratis
Da 6 a 17 anni: 2,80 €
Sono previsti sconti per gruppi e famiglie.