Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Le spiagge a sud di Fuerteventura

Le spiagge a sud di Fuerteventura

, / 2

Le spiagge a sud di Fuerteventura.

Riprendiamo il viaggio tra le coste di Fuerteventura. Dopo aver conosciuto tutto il nord, cominciamo a scendere verso la punta meridionale dell’isola!

Abbiamo passato Corralejo e le spiagge del nord est, proseguiamo con il lato est dell’isola dove si trova Puerto del Rosario, il capoluogo dell’isola, e l’aeroporto.

Spiagge a est di Fuerteventura

  • Caleta de Fuste
  • Pozo Negro
  • Las Playitas
  • Gran Tarajal
  • Playa de Ginginamar
  • Playa de Tarajalejo
  • Playa de la Lajita

Caleta de Fuste è uno dei principali centri turistici dell’isola.

La sua spiaggia è inserita in una baia a forma di ferro di cavallo, per questo è riparata dai venti e dalle correnti. La spiaggia è artificiale, ovvero è stata creata appositamente con sabbia dorata importata. E’ sicuramente una spiaggia molto turistica e comoda, ideale per chi soggiorna a Caleta de Fuste e non vuole noleggiare una macchina. Nelle vicinanze si possono reggiungere anche le spiagge di El Castillo e La Guirra, tutte e due di sabbia dorata, riparate dal vento, con il mare tranquillo (ideali per bambini) e attrezzate.

Le casette bianche e le rocce rosse fanno da contrasto alla sabbia nera di Pozo Negro. Questa piccola spiaggia è davvero particolare, in molti la considerano la più bella spiaggia di sabbia nera di tutta Fuerteventura.

La parte centrale della costa ad est di Fuerteventura ha una serie di spiagge vicine e dalle caratteristiche simili, tra cui la sabbia nera vulcanica bagnata da un mare turchese. Las Playitas (o Las Playas) è una spiaggia di sabbia scura e fine con alcuni ciottoli neri. E’ a ridosso di un piccolo paese caratteristico ed incantevole con le casette bianche dei pescatori del luogo.

Gran Tarajal offre un chilometro di spiaggia di sabbia fine e nera, affacciata su un bel golfo.

In tanti mi hanno consigliato di visitare anche il tranquillo paesino ed i suoi murales. Il Comune di Gran Tarajal ha infatti messo a disposizione alcuni spazi di edifici per dei graffiti con tema marino. Questi murales sono molto belli e particolari, perfetti per gli appassionati di street art e fotografia!

Playa de Ginginamar, Tarajalejo e La Lajita sono spiagge ciottolose e scure, di varie dimensioni, frequentate principalmente dagli abitanti del posto. Questo ha permesso a queste località di mantenere un’atmosfera caratteristica e tradizionale. Tarajalejo è una zona verde, ventosa, con mare mosso e tanti surfisti. La baia di Ginginamar è una zona biologicamente protetta perché ricoperta da palme e tamerici ed ha molte insenature dove pescano gli abitanti dell’isola.

D’estate la sabbia scura non è ideale per prendere il sole visto che si riscalda tanto, d’inverno però queste spiagge sono ideali per una bella passeggiata.

Spiagge a sud est di Fuerteventura

  • Costa Calma
  • Playa Esmeralda
  • Playa Barca
  • Playa de Sotavento
  • Risco de Paso
  • Mal Nombre
  • Playas de Jandia
  • Playa de Butihondo
  • Playa de Matorral
  • Morro Jable

Costa Calma è una delle zone migliori di Fuerteventura per chi cerca mare calmo, servizi e negozi. La spiaggia principale è molto lunga e, attaccata a questa ma separate da rocce, ce ne sono altre molto apprezzate. Grazie a Costa Calma l’isola di Fuerteventura può vantarsi di avere alcune delle più belle spiagge d’Europa: più di due chilometri di spiaggia con palme e sabbia bianca che regalano la sensazione di essere in un’oasi nel deserto.

Playa Esmeralda segna la fine della zona di Costa Calma e l’inizio delle spiagge di Sotavento. E’ una spiaggia piccola e non facilmente raggiungibile in auto, questo la rende inaccessibile ai vacanzieri più comodi e ideale quindi per gli amanti dei lidi selvaggi! Bisogna portare cibo e bevande perché la spiaggia è isolata e non attrezzata.

La zona di Sotavento è uno dei luoghi più famosi di Fuerteventura per le grandissime, lunghissime spiagge di sabbia bianca e l’acqua cristallina.

Sono considerate le più belle e le più selvagge di tutta l’isola. Inotre in questa zona le maree creano delle scenografiche lingue di sabbia e delle piscine naturali dove poter fare il bagno. Per vederle si consiglia di controllare gli orari delle maree o chiedere in qualche ufficio del turismo. Le spiagge qui sono talmente ampie che bisogna camminare un po’ prima di arrivare al mare! Nella zona non ci sono centri turistici ed hotel, per le grandi dimensioni delle spiagge si trovano anche pochi turisti, solo diversi sportivi che praticano windsurf o kitesurf. Gli accessi principali alle spiagge sono Playa Barca, Risco del Paso e Mirador. A Playa Barca e Risco del Paso si trovano due famose scuole di windsurf e kite e su tutte le spiagge è praticato il nudismo.

Playa Barca è una spiaggia ventosa tutto l’anno, basta pensare che qui si svolge il Campionato del Mondo di Kite e Windsurf. Ma è talmente bella che merita fare una passeggiata oppure fermarsi ad osservare gli sportivi che fanno pratica.

Risco del Paso è un’altra spiaggia ventosa dove poter fare una passeggiata per ammirare le lingue di sabbia. Per coloro che vogliono provare gli sport acquatici per la prima volta questa spiaggia è perfetta per la grande zona di acqua bassa. C’è anche un punto dove si infrangono onde di uno e due metri, adatta invece agli sportivi di livello avanzato.

Mirador è la zona sud di Playa de Sotavento. Per raggiungere questa spiaggia c’è una strada sterrata che inizia dal Mirador de Sotavento (un punto panoramico). E’ una spiaggia poco frequentata, non attrezzata e molto bella grazie alla sabbia finissima e al colore turchese del mare.

Mal Nombre è una bellissima spiaggia di sabbia chiara, protetta e nascosta dalle rocce. Si trova tra Sotavento ed Esquinzo. Ideale per chi cerca relax e tranquillità.

Una giornata si può dedicare al giro delle spiagge di sabbia bianca di Sotavento che cominciano a Costa Calma e continuano per chilometri. Queste spiagge (Sotavento, Risco de Paso, Mal Nombre per citarne alcune) ti lasceranno davvero a bocca aperta.

Playa de Jandia è una distesa di sabbia bianca e mare trasparente, vista la sua estensione può capitare di trovarsi completamente soli… è l’occasione per apprezzare la solitudine, le infinite lingue di sabbia ed il mare dai colori caraibici.

Playa de Butihondo o Esquinzo Butihondo, nonostante sia una spiaggia urbana, è molto tranquilla e riservata.

Matorral è una spiaggia da cartolina, lunga e larga con mare blu e sabbia bianca. Si estende per circa due chilometri partendo dalla parte vecchia di Morro Jable. La prima parte, facilmente raggiungibile ed attrezzata con lettini ed ombrelloni a pagamento, è molto frequentata perché costeggiata da negozi, ristoranti e hotel. Man mano che si scende verso sud le persone diminuiscono e si trovano solo alcuni nudisti in cerca di privacy.

Morro Jable è una località turistica di Fuerteventura. La sua spiaggia è molto vasta, di sabbia bianca con acqua dalle mille sfumature.

E’ famosa per il faro che si erge proprio sulla spiaggia e che diventa il soggetto principale delle fotografie dei viaggiatori! La spiaggia è vicina al centro della città, nelle vicinanze si trovano quindi locali, negozi, centri sportivi di surf e kayak e ristoranti. Da Morro Jable fino a Jandia, per circa 15 chilometri di longitudine, si estendono le “playas colgadas”, ovvero spiagge sospese. Queste spiagge sono circondate da alte scogliere, composte da sabbie pressate che indicano che il livello del mare si è abbassato notevolmente nel tempo. Le spiagge attuali sono quindi nate dall’erosione della costa e danno l’impressione di essere appunto “sospese” oltre 20 metri sopra il livello del mare. Un esempio di playas colgadas è Playa de Ojos, la balneazione qui non è consigliata per la corrente forte e la zona rocciosa e inoltre non è facilmente raggiungibile se non tramite una strada sterrata. Molto più semplice, se si vuole ammirare il fenomeno dell’erosione, è una passeggiata lungo la strada tra Pajara e Betancuria.

Spiagge a sud ovest di Fuerteventura

  • Playa Cofete
  • Playa de Barlovento
  • Playa del Viejo Rey
  • Playa de Garcerey
  • Aiuy
  • Playa de la Pared

Cofete è una lunghissima spiaggia incontaminata e praticamente deserta. Qui lo sviluppo urbano non è arrivato lasciando così intatta la sua natura selvaggia.

L’oceano qui è agitato, il vento sferza la costa e dà origine a lunghe onde spumose che si allungano sulla sabbia. E’ un luogo meraviglioso e surreale, la sua bellezza lascia senza fiato. Non è una spiaggia adatta per fare il bagno visto il mare mosso e l’assenza di guardaspiaggia. Per raggiungerla serve una jeep 4×4 per attraversare ben 9 km di terra e sassi con punti difficili. Si sconsiglia di avventurarsi con macchine non adatte prese a noleggio, in caso di problemi ci si può rimettere la caparra…

Inoltre, se si decide di trascorrere la giornata a Cofete, bisogna munirsi prima di scorte d’acqua e viveri.

Playa Barlovento, come Cofete, è un’altra meravigliosa spiaggia intatta: 8 chilometri di sabbia scura, onde e vento. Anche questa non è facile da raggiungere ed il mare è sempre esposto a correnti forti.

Viejo Rey è la spiaggia per eccellenza per il surf tradizionale. E’ quindi molto ventosa con mare mosso e sabbia nera e dorata in alcuni punti.

Playa de Garcerey è una spiaggia di sabbia nera, remota e tranquilla, circondata da alte rocce. Nel 1994 il transatlantico American Star si incagliò proprio davanti a questa spiaggetta e, negli anni successivi dopo vari tentativi di rimozione, il relitto è rimasto lì attirando tanti curiosi. Oggi il relitto non è più visibile e la spiaggia è tornata ad essere un paradiso elitario per pochi avventurosi in cerca di una natura selvaggia, canyon e rocce. Le correnti sono molto forti ed è sconsigliato fare il bagno. Merita però una visita per il panorama naturale davvero surreale.

Aiuy è una piccola spiaggia di sabbia nera, protetta da rocce che sono le più antiche delle Canarie, e bagnata dal mare turchese. Si può camminare sulla scogliera e ammirare il lavoro del vento e del mare che hanno modellato queste rocce, fino ad arrivare alla “Cueva” (la caverna) scavata e sospesa a 40 metri a strapiombo sul mare. Portate la macchina fotografica per fare delle bellissime foto! Aiuy è un angolo molto caratteristico di Fuerteventura, merita sicuramente una sosta nel paesino ed in spiaggia, anche se il mare agitato non permette sempre di fare il bagno.

La Pared è una piccola Cofete, facilmente raggiungibile in auto. Ha pareti a strapiombo sul mare, sabbia chiara e fine ed è un paradiso per i surfisti.

Pochi turisti si avventurano fino a qui, anche perché la balneazione non è consigliata a causa delle forti correnti. La possiamo quindi trovare deserta e solitaria e, se come me ami prendere il sole in relax con i piedi nell’acqua, questo ti sembrerà il paradiso.

Il nostro viaggio alla scoperta delle spiagge di Fuerteventura è terminato! Abbiamo ripercorso tutta la costa e trovato, per ogni punto cardinale, le spiagge più belle che devono essere visitate assolutamente.

Se ti sei perso la prima parte del viaggio vai a leggere ora quali sono le migliori spiagge a nord est e nord ovest di Fuerteventura 😉

2 Pingbacks/Trackbacks