Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Liguria di Ponente

Liguria di Ponente

, / 4

In questi ultimi mesi ho avuto l’opportunità di visitare la Liguria di Ponente due volte. La prima volta durante il blog tour #GoPonente e la seconda, più recente in occasione dell’evento #TrentinRiviera.
Liguria di Ponente
I tour sono stati diversi tra loro e quindi posso condividere con te una mini guida di alcune delle tappe più belle che puoi fare durante un tuo viaggio in questa zona.

La Liguria di Ponente comprende le province di Savona ed Imperia ed i quartieri occidentali di Genova. Questo tratto di costa è meglio conosciuto come Riviera Ligure o semplicemente Riviera.
Ecco alcuni spunti di cose da fare e vedere nella Riviera delle Palme, nella Riviera dei Fiori e nell’entroterra ligure di ponente.

Sanremo
Liguria di Ponente
La prima cosa che viene in mente se si dice Sanremo è sicuramente il Festival ma, solo dopo averla visitata, capisco perché i miei genitori abbiano deciso di fare qui la loro luna di miele.
Sanremo offre molto ai viaggiatori che passano da questa parti, dal mare al centro cittadino, dalle chiese ai parchi, dal Casinò dove puoi anche cenare (consigliato solo per persone adulte e non per giovani!) allo sport.
Liguria di Ponente
Per assaporare meglio il gusto di questa città ho fatto un giro in bicicletta lungo un percorso che si snoda da San Lorenzo al Mare a Ospedaletti lungo la Riviera dei fiori.
La pista, un itinerario pianeggiante di circa 24 chilometri, si affaccia sul mare ed è stata fatta lungo il tracciato dell’antica ferrovia.
Liguria di Ponente
Ti consiglio di fare questo giro in una giornata di sole che sia essa in inverno o in estate e di soffermarti a guardare i meravigliosi tratti di costa, che si possono ammirare lungo il percorso, ed i suoi colori.

Taggia
Un borgo silenzioso in provincia di Imperia è Taggia con le sue chiese, i suoi conventi, i suoi palazzi ed i resti del suo castello.
Qui ti consiglio una tappa enogastronomica al ristorante L’olio Colto dove i piatti avranno un mix di tradizione e moderno.
Liguria di Ponente
La tradizione ligure è il cuore del nostro progetto. Vogliamo conservare i profumi e i sapori del nostro passato: proteggere quel patrimonio unico e fondamentale che alimenta lo spirito e il corpo.” Antonio, lo chef, ed Ivan.
Il locale è davvero molto bello ed elegante con vetrate sui vicoli di Taggia.
Un menù degustazione potrebbe essere l’ideale per assaggiare alcuni dei migliori piatti dello chef.

Dolceacqua
Alle spalle di Ventimiglia e Bordighera si trova il meraviglioso borgo di Dolceacqua che dà il nome al più importante DOC del Ponente Ligure, il Rossese di Dolceacqua. Questo paesino medioevale è caratterizzato dall’antico ponte, con la forma “a schiena d’asino“, che separa la parte più antica dalla parte più moderna del paese.
Qui potrai trovare Maixei (termine dialettale che identifica i muretti a secco che caratterizzano il paesaggio ligure) una Cantina Cooperativa che con il nome vuole unire la tradizione dei muretti a secco, appunto, all’eleganza dei vini moderni.
Liguria di Ponente
Se passi di qui però un bicchiere, almeno, di Dolceacqua è d’obbligo. Dato che questo rosso è ottimo con formaggi di media stagionatura ti invito a fare una pausa di gusto!

Pigna
Un altro comune, sempre in provincia di Imperia, che ti consiglio di visitare è Pigna, borgo Bandiera Arancione. Il tour per i vicoli di Pigna è davvero molto suggestivo e ti perderai con lo sguardo nella vista del panorama dall’alto del centro storico.
Liguria di Ponente
Durante il nostro tour siamo stati accompagnati per i luoghi del borgo da un signore locale che ci faceva da guida trasmettendoci tutto l’amore per il suo paese.
Dopo esserti perso per i vicoli e gli scorci di Pigna puoi andare a rigenerarti alle Terme!
Con €35 puoi avere una giornata di benessere tra la piscina con acqua termale, il percorso vascolare a temperatura differenziata, la sauna, il bagno turco, la sala fitness e quella dedicata al relax.
Liguria di Ponente
La piscina all’aperto è immersa nel verde e nell’assoluto silenzio era la zona che mi ispirava di più delle terme anche se purtroppo non abbiamo potuto provarla.

Finalborgo
Se ti sposti verso la provincia di Savona troverai il bellissimo paesino di Finalborgo che, con Finale Pia e Finale Marina, forma il comune di Finale Ligure.
Liguria di Ponente
Anche qui ti troverai di fronte ad uno dei borghi più belli di Italia entrando da Porta Testa raggiungerai piazza Garibaldi attraversando vicoli con botteghe di artigiani e negozi e ti dirigerai poi verso la Chiesa di San Biagio, la Porta Reale e piazza del Tribunale.
La visita successiva è stata all’Azienda Agricola Sacone nella località di Perti dove siamo stati accolti come amici da Giuseppe e suo fratello. Ci siamo cimentati nella raccolta delle olive taggiasche, ingrediente fondamentale della gastronomia della Liguria di Ponente.
Liguria di Ponente
L’azienda produce Olio Extra Vergine di Oliva “Cultivar Taggiasca” e tre tipi di vino: Lumassina IGT, Vermentino DOC e Tormellina IGT.
I fratelli e la mamma Sacone sono stati fantastici!
Liguria di Ponente
Finito il tour in Azienda ci hanno preparato un aperitivo, che si poteva chiamare benissimo anche pranzo, dove abbiamo provato, oltre ai loro vini e al loro olio su bruschetta, anche il pesto genovese fatto in casa, la marmellata e il miele sempre di produzione loro, “a fugassa” (focaccia genovese) e la formaggetta del ponente!
Liguria di Ponente
Sempre a Finale Ligure, sull’altopiano delle Manie, c’è la Trattoria la Grotta dove potrai assaggiare la cucina casalinga con piatti tipici della trazione ligure, come le trofie al pesto, le crostate fate in casa, i frisceu di verdura, le verdure ripiene o la formaggetta della zona, in un’ambiente familiare.

Dall’Altopiano delle Manie partono numerosi percorsi in Mountain Bike che, anche se ti diranno che sono semplice e pianeggianti, avranno bisogno di una certa dimestichezza con la bici.
I percorsi semplici in Liguria hanno comunque discese, salite e pezzi di strada sterrata e, almeno un minimo di difficoltà se non sei esperto, la troverai.
Il sentiero, fatto durante il primo tour di Ponente, faceva parte dell’Alta Via Stage Race.
Liguria di Ponente
Riccardo dell’Agenzia Walter Viaggi, esperto biker, ci ha fatto da accompagnatore e guida durante il percorso sull’Alta Via dei Monti Liguri fino ad scendere verso il mare a Varigotti.
Un percorso affascinante con panorami mozzafiato e scorci colorati: da provare (senza temere! Ci sono riucita io!).
Per il secondo tour invece, accompagnati da Luca sempre dell’Agenzia Walter Viaggi, siamo partiti dall’altopiano delle Manie e siamo dapprima andati a vedere Varigotti dall’alto di un promontorio. Il mare blu, il borgo e il cielo azzurro: una cartolina dalla Liguria!
Liguria di Ponente
Poi abbiamo iniziato un lungo sentiero in discesa, tra sterrati, sassi, gradoni, curve e chi più ne ha più ne metta siamo ridiscesi fino al mare e siamo arrivati a Noli, Antica Repubblica Marinara…vivi!

Millesimo
Millesimo, centro per il territorio dell’Alta Val Bormida, è un borgo ricco di attrattive storiche, naturali e gastronomiche e fa parte del gruppo dei Borghi più belli d’Italia e dell’Associazione Nazionale “Città del tartufo“.
Proprio per questo motivo, e cioè per cimentarci nella truffle hunting (caccia al tartufo) siamo andati a Millesimo. Abbiamo fatto un tour nel bosco insieme ai tartufai della zona ed i loro cani da tartufo.
Siamo stati davvero molto fortunati ed abbiamo trovato tartufo bianco e nero.
Liguria di Ponente
Era bellissimo vedere i cani al lavoro mentre i loro padroni ci raccontavano la loro passione e le vicende legate al tartufo.
Finita la caccia siamo andati a mangiare tutti insieme presso l’Osteria del Castello in Cengio Alto.
Ci hanno fatto entrare in cucina per mostrarci come si preparavano alcuni piatti e come si lavavano e pulivano i tartufi.
E’ stata davvero una bella sorpresa quella di trovare ad ogni posto, sulla tavola apparecchiata, una carta d’identità del Tartufo Bianco Pregiato o dello Scorzone.
C’era davvero una bellissima atmosfera di festa e mentre noi fotografavamo tutti i piatti che ci arrivavano i tartufai ci grattugiavano sopra dell’ottimo tartufo trovato poco prima.
Se penso alla polenta con formaggio e tartufo che mi sono mangiata…la voglio!
Liguria di Ponente
Qui abbiamo anche provato la birra artiginale del birrificio Scarampola e i liquori monoerbe Origine.

Sassello
Famoso per gli amaretti e per essere stato il primo comune italiano ad aver ottenuto la Bandiera Arancione, Sassello è anche una delle località, in provincia di Savona, coinvolte nell’estensione del Parco del Beigua.
Liguria di Ponente
Questo fantastico parco è stato inserito nel 2005 nella lista mondiale dei Geoparchi dell’UNESCO e nella Rete Europea dei Geoparchi. Le località del Parco sono: Arenzano, Campo Ligure, Cogoleto, Genova, Masone, Rossiglione, Tiglieto in provincia di Genova e Sassello, Stella e Varazze in provincia di Savona.
All’interno del Geoparco del Beigua ci sono tre Foreste Demaniali Regionali dove vivono i tipici animali dell’Appennino Ligure come caprioli, daini e cinghiali e una di queste si trova proprio nel comune di Sassello: la Foresta Regionale “Deiva”.
Noi abbiamo percorso un sentiero partendo da qui e siamo andati alla scoperta, con una guida, delle tante varietà di funghi che si possono trovare nell’area.
Liguria di Ponente
Camminando nel verde, osservando funghi e piante siamo arrivati fino al misterioso Castello Bellavista nascosto tra la fitta vegetazione della Foresta.
Quando sono andata io era autunno e la Foresta era piena di foglie gialle in terra: spettacolare il volto dell’autunno visto dalla “Deiva”.
Nel territorio del Geoparco ci sono tanti siti interessanti da visitare per l’aspetto geologico ed uno di questi è la barriera corallina fossile che si trova a Ponte PrinaLa Maddalena nel comune di Sassello.
Finita la visita al Parco e prima di andare a pranzo, siamo passati dal Centro Visite di Palazzo Gervino dedicato al tema della geologia e della geomorfologia.

A pranzo siamo andati al ristorante Palazzo Salsole in centro a Sassello.
Entrando qui si ha la sensazione di entrare a casa di qualcuno poiché hanno voluto lasciare inalterata la vecchia disposizione delle stanze dell’edificio anche dopo la progettazione del ristorante. Un locale molto intimo ed accogliente dove abbiamo mangiato piatti tipici liguri e prodotti del circondario.
Come dolce, ad esempio, ho provato il tipico Bonet con gli Amaretti di Sassello.

Pietra Ligure
Tornando nella Riviera delle Palme ti segnalo il caratteristico borgo di Pietra Ligure dove il simbolo della città è una pietra, appunto, situata a due passi dal mare.
Liguria di Ponente
Pietra, di forte tradizione marinara e cantieristica, ha anche un bellissimo Borgo Vecchio dove ti innamorerai degli scorci tra i carruggi. Questi stretti vicoli partono dalla piazza vecchia dove si trova l’antica chiesa parrocchiale. Il percorso continua poi verso la chiesa settecentesca dedicata a San Nicolò patrono di Pietra.
Abbiamo poi passeggiato per il lungomare, visto i “resti” dell’evento Pietra Ligure in Fiore e fatto un aperitivo al Café Toso.
La nostra giornata a Pietra è terminata con un cena a km 0 all’Agriturismo Rose di Pietra, uno di quei luoghi che non dimenticherò mai.
L’agriturismo si trova nella parte alta di Pietra e da lì puoi godere di una meravigliosa vista panoramica sulla città e sul mare nel mezzo di una piantagione di rose.
Qui potrai toccare con mano opere di artisti in quanto Rose di Pietra è anche in parte galleria d’arte e atélier e troverai sculture e dipinti nelle camere e negli spazi all’aperto.
Liguria di Ponente
Due appartamenti e quattro bungalows per ospitare viaggiatori stranieri, la simpatia dei proprietari dell’agriturismo, la vista sul mare, il giardino e l’aria fresca della collina ti faranno senza dubbio apprezzare questo posto.
Per la nostra cena avevano preparato tantissime cose buone e tipiche, dalla fugassa alla zucca Trombetta, dalla panissa di ceci al gobeletto gigante come dolce, che ci siamo gustati prima all’aperto e poi all’interno della serra: luogo che sprigiona creatività in ogni angolo!

Loano
La città dei Doria è Loano, una caratteristica località di mare in provincia di Savona.
Per il nostro tour abbiamo alloggiato al Loano2 Village, una grandissima struttura ricca di servizi e confort ideale per famiglie. Si tratta di un villaggio turistico e residence situato nella parte alta di Loano con 360 appartamenti e camere, 3 piscine, 3 ristoranti, 1 bar, 1 mini club, 1 mini market, 1 campo da tennis, 2 da calcetto, 1 campo da bocce!
La camera era molto confortevole, con kit cortesia, salottino e balcone.
Liguria di Ponente
Un pacco regalo, dell’antico Frantoio di Sommariva di Albenga, ci attendeva sul tavolo con al suo interno olio extravergine di oliva “Cru Muela”, Pesto Genovese e Caviale del Centa!
Grazie ad un accordo interno tra Elisabetta e Patty chi alloggia qui al Loano 2 Village ha la convezione con la spiaggia dei Bagni Virginia sempre a Loano.
I Bagni Virginia sono dei super social Bagni ed hanno tutto quello che non ti aspetteresti mai da una spiaggia come, per esempio, le cabine VIP e TOP dotate di doccia con idromassaggio, tv e divano o la sala fitness.
Liguria di Ponente
Qui troverai simpatia, accoglienza e stile per il tuo relax, il tuo divertimento e il tuo benessere.
Anche il cibo qui è ottimo! Ho provato la cucina tipica dei Bagni Virginia ed ho apprezzato molto sia le trofie al pesto che i gobeletti.
Nel pomeriggio, dopo esserci goduti un pò di relax nei lettini della spiaggia, abbiamo fatto una ciaspolata lungomare: troppo divertente! La gente ci guardava allibita.
Liguria di Ponente
Siamo stati ai Bagni Viginia anche per l’appuntamento ufficiale del progetto a cui eravamo stati invitati e cioè #TrentinRiviera: una sorta di primi passi verso la collaborazione tra operatori turistici della Liguria (Loano2Village, Bagni Vittoria, Hotel Bacco, LiguriaInside, iLiguria e la Provincia di Savona) e quelli del Trentino (Hotel Ciasa Alpina, Hotel Costabella, Pineta Hotels e Active Hotel Olympic). Due regioni così belle e così completamente diverse.
La serata è stata molto “gustosa” in quanto c’erano specialità liguri e trentine e il mio stand preferito è stato quello della Strada dei Formaggi delle Dolomiti: un mix di formaggi e confetture da perderci la testa!
Liguria di Ponente
A Loano abbiamo anche visto una processione per Sant’Isidoro, santo protettore degli agricoltori, nella quale grandiosi crocifissi, della confraternita Oratorio dei Bianchi, venivano portati a mano!
Il borgo di Loano è davvero tipico per una passeggiata serale, un gelato in notturna e quattro chiacchiere seduti lungomare dopo una giornata in spiaggia.

Grotte di Toirano
Toirano, altro borgo con la Bandiera Arancione, conserva un enorme patrimonio naturalistico: le grotte.
Liguria di Ponente
Ti consiglio di farti un giro all’interno di queste con una guida che saprà senza dubbio emozionarti con i suoi racconti. Il giro all’interno dura più di un’ora, 1300 metri di cammino, e dovrai indossare scarpe comode ed una felpa perché la temperatura si aggira attorno ai 16°.
La grotta della Strega e la grotta di Santa Lucia sono visitabili e all’interno si possono ammirare evidenti testimonianze della presenza dell’orso delle caverne e dell’uomo preistorico risalenti al Paleolitico Superiore.
La zona sicuramente più suggestiva da visitare è quella dove si trova il “Cimitero degli Orsi“: zona in cui l’acqua portava e raccoglieva le ossa di orsi morti nelle caverne.
All’interno troverai enormi stalattiti e formazioni di cristalli sottili di aragonite.
Dopo la seconda grotta c’è una parte adibita a cantina naturale di vino Durin del produttore Basso che ha avuto il permesso dal sindaco per tenere i vini qui all’interno per far si che si formino meglio, una sala concerti e un laboratorio per bambini.
La visita non può che terminare al bar con una degustazione di un Pigato!

Ed ora non mi resta che specializzarmi anche nella Liguria di Levante per poterti raccontare altre tappe da non perdere in questa meravigliosa regione!

2 Pingbacks/Trackbacks