martedì, Giugno 28, 2022

Val Venosta, l’Alto Adige tutto da scoprire

L’estate 2020 verrà ricordata per tanti motivi, uno in particolare è – per noi viaggiatori informati – molto curioso: tra le mete più frequentate figurano le Dolomiti.

Perché è una notizia curiosa? Perché, più che un aumento di viaggiatori, le Dolomiti hanno vissuto un vero e proprio boom.
Sul web si trovano tante immagini di file lungo i sentieri ed affollamenti ai rifugi.
Io ho sentito la testimonianza diretta dei miei genitori che, in Val Gardena a Luglio, hanno trovato tantissime persone.

Le Dolomiti sono una meta in crescita, sempre più viaggiatori le scelgono come meta estiva.
E dopo quest’estate ho capito anch’io perché sono una destinazione del cuore!

Val Venosta, l’Alto Adige tutto da scoprire

Continuando a leggere questo articolo ti parlerò di come ho vissuto la mia prima settimana in coppia sulle Dolomiti, più precisamente in Val Venosta, e delle attività che ho scelto.

Una vacanza d’estate sulle Dolomiti è consigliata a tutti i camminatori ma, anche per chi non ha passione o voglia di camminare, si trovano tantissime attività da fare.

La cosa più importante è scegliere molto bene prima la meta, non tutte le “Val” sono uguali! E’ bene individuare i luoghi più indicati in base alla vacanza che si desidera.

Dove si trova e perché scegliere la Val Venosta

La Val Venosta si trova nella parte occidentale dell’Alto Adige, confina a nord con l’Austria, a ovest con la Svizzera, a sud con la Lombardia ed il Trentino. Una cosa molto importante da ricordare è che non siamo in Trentino. La Val Venosta si trova in Alto Adige.

Che differenza c’è? La differenza più importante è la lingua: in Trentino si parla italiano, in Alto Adige si parla tedesco. Cartelli stradali, menu dei ristoranti, brochure informative ecc.. troverai tutto in doppia lingua. E ovviamente anche tutti gli abitanti parlano l’italiano come seconda lingua, quindi non avrai nessun problema di comunicazione.

Perché scegliere una vacanza estiva in Val Venosta? Per le mille attività da fare nella natura. E’ il classico posto che ti fa dire “ci dobbiamo tornare” perché una settimana non basta per fare tutto!
Poi è un posto tranquillo, qui non abbiamo trovato grandi affollamenti. Inoltre i panorami sono splendidi, d’estate si respira, si sta al fresco e si mangiano degli ottimi canederli.

Val Venosta, l’Alto Adige tutto da scoprire

Escursioni in alta quota in Val Venosta

Per chi desidera camminare in questa zona il Parco dello Stelvio è la meta ideale.
Il Parco nazionale dello Stelvio si estende tra le regioni Trentino- Alto Adige e Lombardia, la vetta più alta è l’Ortles con i suoi 3905 m.

Se non te la senti di avventurarti da solo su queste montagne e non hai una conoscenza dei percorsi e delle zone, il Centro Visite Aquaprad che si trova a Parco Stelvio, organizza tutti i giorni escursioni con guide alpine.
Noi abbiamo partecipato a due escursioni: il fascino delle montagne e l’escursione botanica. Comunque ogni giorno potrai scegliere tra una o più escursioni da fare in base al programma, pubblicato anche sul loro sito.

A fronte di piccoli prezzi (partecipare costa dai 3 ai 10 euro a volte con pranzo incluso) avrai una guida locale che ti racconterà tantissime cose e che organizzerà l’escursione anche in base al tempo, scegliendo le zone giuste.

Nella prima escursione che abbiamo fatto ci ha accompagnati la guida Walter, che da Solda ci ha portati fino al Rifugio Coston 2661 m. Per me è stata la più bella di tutte perché durante il percorso abbiamo attraversato diversi paesaggi: verdi valli piene di fiori, costoni rocciosi, le pareti ghiacciate del Monte Zebrù in lontananza e paesaggi lunari dove la montagna è ricoperta di soli sassi.

Val Venosta, l’Alto Adige tutto da scoprire

Durante la seconda escursione invece eravamo con la guida Simone che ci ha portati nel Piano di Rosim dove abbiamo visto le marmotte, abbiamo parlato delle piante e dei fiori che nascono in questa zona e abbiamo pranzato con prodotti locali con una meravigliosa vista sull’Ortles, lo Zebrù ed il Gran Zebrù. Una vera meraviglia!

Val Venosta, l’Alto Adige tutto da scoprire

Altri due giorni ci siamo avventurati da soli su queste cime. Un giorno abbiamo fatto una camminata poco impegnativa sul Monte Watles, un itinerario più semplice ma molto bello, adatto anche alle famiglie con bambini visto che vicino al rifugio ci sono giochi e divertimenti per i più piccoli.

Alto Adige tutto da scoprire

Un’escursione da ricordare, fatta in autonomia, è stata quella al Passo del Madriccio 3123 m. Bellissima ma decisamente impegnativa!

Val Venosta, l’Alto Adige tutto da scoprire

Le Terme di Merano

Ad un’ora di macchina dal nostro hotel si trova la caratteristica cittadina di Merano. Merita una visita per il suo centro storico, con i lunghi portici pieni di negozi.

Visto che conoscevamo già la città, abbiamo scelto di regalarci un pomeriggio alle terme. Sul sito delle terme è possibile vedere tutte le attività ed i prezzi.

terme in Alto Adige

Noi abbiamo scelto un ingresso di 3 ore con accesso alle piscine e alle saune. Le piscine in realtà non le abbiamo sfruttate perché ci sembravano troppo piene di gente e bambini. Siamo stati nella zona saune dove troviamo anche vasche idromassaggio e lettini esterni per rilassarsi al sole.

Importante: per evitare spiacevoli sorprese ricordati che nella zona saune si sta senza costume, come da tradizione nordica!

Il Lago di Resia

Il famoso campanile che esce dall’acqua si trova proprio qui! Imposta sul navigatore Resia presso Curon e vai a scattare una foto all’impressionante campanile sommerso. Noi purtroppo siamo scappati perché il posto era preso d’assalto (era pur sempre Agosto) ma, se scegli un giorno ed un orario giusto, puoi parcheggiare proprio davanti al campanile e scendere per una foto ed una passeggiata intorno al lago.

lago di Resia in Alto Adige

Giro in mountain bike

Per questioni di tempo purtroppo non siamo riusciti a fare l’escursione in mountain bike. In Val Venosta ci sono vari percorsi ciclabili che portano principalmente a Merano, è una pedalata lunga ma in piano con dei tratti in leggera discesa (perfetta per i non allenati!) e passa tra i famosi meleti della zona.

Arrivati a Merano, o anche prima, si può prendere il treno che ci riporta indietro alla partenza. Da Burgusio, dove dormivano noi, sono 54 km di ciclabile. Si può noleggiare la bicicletta in quasi tutti gli hotel della zona.

Parco avventura

Un’altra attività che purtroppo ci siamo persi è il Parco Avventura Lasa. Immerso nei boschi della zona, questo parco ci è stato consigliato da una famiglia conosciuta durante un’escursione. Il parco ha quattro percorsi, ognuno di un diverso livello di difficoltà con i numero 4, il più difficile, che si snoda a 15 metri da terra.

Dove dormire in Val Venosta

Per la nostra settimana abbiamo scelto il Maraias Luxury Suites & Apartments situato a Burgusio.

Lo consigliamo per la bellissima e abbondante colazione (da non perdere: lo yogurt ed il burro di malga), per la posizione comoda e per la piscina esterna con vista sulle montagne.

Importante: in estate il Maraias Hotel rilascia gratuitamente a tutti gli ospiti la Venosta Card con la quale si può usufruire di sconti in vari musei, strutture ricreative e impianti di risalita e che permette di utilizzare gratuitamente tutti i mezzi pubblici!

Spero di averti incuriosito sulla bellissima Val Venosta e mi auguro che tu possa scoprirla quanto prima. Prima di partire per questa meravigliosa regione ti consiglio di documentarti e leggere qualcosa di Reinhold Messner, l’alpinista più famoso al mondo, nato proprio a Bressanone in Alto Adige.
La sua passione per la montagna l’ha portato a scalare le vette più alte del mondo e ad aprire musei sulle cime delle Dolomiti.

Anche Castel Juval nella Val Senales in Alto Adige è la sua residenza estiva e la sede principale del suo MMM Messner Mountain Museum.

Ti lascio con una sua frase, che per me è davvero significativa:
Le cose meravigliose nella vita sono le cose che fai, non le cose che hai.” Reinhold Messner

Silvia Tasi
Silvia Tasi
Sogno una vita in viaggio! Appunto tutto, segno luoghi e stampo foto. Amo viaggiare perché il viaggio stesso supera la fantasia.

Articoli Correlati

RECENSIONI

Commenti al post

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here