Viaggi e Web 2.0

Casas particulares Cuba

Casas particulares Cuba.

Marisol, una ragazza de L’Avana dal sorriso dolce, che ha un piccolo cane nero che tratta come un figlio. Olga e Eloy, due teneri e accoglienti signori anziani di Viñales. Yaninia e Julian e il loro bassotto marrone che abitano al centro di Santiago. Kaki con la sua aria da nobildonna e la sua casa in perfetto stile coloniale. Il mitico Boris e la sua meravigliosa filosofia cubana. Manolito con il suo mojito in riva al mare di Playa Larga.
Casas particulares Cuba
Chi sono?
Sono delle stupende persone che ho avuto l’onore di conoscere lungo il mio cammino, sono i proprietari delle casas particulares Cuba dove ho dormito e mangiato durante il mio viaggio con VeM.
Andare a Cuba e viaggiare responsabilmente vuol dire anche questo. Entrare in contatto con le persone, conoscerle e scambiare con loro momenti unici di vita.
Le casas particulares sono un ottimo punto di partenza per conoscere i cubani e il loro grande cuore.
Per ospitare i turisti hanno magari lavorato una vita per ristrutturare una casa avuta dai nonni come Boris e Kenya. “La casa è dell’Ottocento e ad oggi abbiamo due abitazioni in affitto. Potremmo anche farne tre ma preferiamo lasciare più spazio ai viaggiatori che si possono dividere questa terrazza da dove si ammira il tramonto e dove serviamo colazione e cena. Abbiamo lavorato 15 anni per sistemare questa casa che cadeva a pezzi e, ancora oggi, piano piano continuiamo con amore a migliorarla”.
Casas particulares Cuba
Fieri del lavoro fatto e con un gigantesco sorriso stampato sul volto narrano “E’ dal 1997 che ospitiamo turisti da tutte le parti del mondo. Ci piace stare con loro e accoglierli come persone di famiglia” come Olga e Eloy.
Ti salutano come amici alla tua partenza e tu, sperando di rivederli un giorno, li abbracci con un affetto smisurato e alla frase “Ti lascio qualche bigliettino da visita così puoi darli ai tuoi amici italiani” non puoi fare altro che rispondere “Lo farò sicuramente perché mi avete dimostrato di avere cuore e di essere persone speciali”.
Rientri a casa, dopo una giornata spesa per il centro di Santiago, e Yaninia ti chiede: “Vi siete divertiti? Com’è andata? Dove siete stati?”. Un’occasione unica da non sprecare, un momento di condivisione da non sottovalutare.
Casas particulares Cuba
Le casas particulares Cuba sono autorizzate dal governo cubano, dietro rilascio di una licenza. Grazie a questa un cittadino privato ha l’opportunità di affittare delle stanze di casa sua ai viaggiatori e di preparare per loro colazioni e cene.
Ce ne sono a migliaia, in ogni dove. Pensa che a Viñales, un piccolo paesino ad ovest de L’Avana, se ne contano circa 500! Per cercare le casas particulares, se stai viaggiando senza un’organizzazione alle spalle, ti basterà cercare il simbolo azzurro a forma di ancora con scritto “Arrendador Divisa” che si trova ai portoni o alle facciate delle case stesse.
Alloggiare nelle casas particulares è davvero il metodo più giusto per integrarsi con la cultura cubana.
Una camera, più o meno moderna, con all’interno tutto quello di cui avrai bisogno: bagno, letto e ventilatori vari sparsi in ogni angolo.
Casas particulares Cuba
Alle volte ti imbatterai in stanze con addirittura la TV [regolarmente rimasta spenta] e il frigo bar carico di Cristal e Bucanero. Ci sono poi delle zone comuni che vanno condivise con altri eventuali viaggiatori. Una terrazza come a Trinidad da dove ho potuto ammirare un incantevole tramonto sotto la pioggia; una zona soggiorno come a L’Avana dove ho assaggiato gustosi dolcini fatti da Marisol; una veranda, come a Viñales, dove un Che disegnato male ti guarda mentre ceni; un meraviglioso salone che si affaccia sul centro storico di Santiago dove ho provato arroz con leche come dolce; un giardino con dondolo e vista sui tetti di Remedios come da Kaki; un bar fronte mare dove rilassarsi al ritmo delle onde che leggere accarezzano la spiaggia di Playa Larga.
Casas particulares Cuba
Durante il mio viaggio ho alloggiato in sei diverse casas particulares e ho un dolce e unico ricordo per ognuna di loro. Le consiglierei ad occhi chiusi, una dopo l’altra.
Hai bisogno di una banca? C’è Boris che con il suo dolce sorriso ti ci accompagna. Vuoi giocare a domino? Manolito ti presterà il suo. Vuoi un consiglio su un museo o su dove andare ad ascoltare della buona musica? Yaninia saprà soddisfarti. Stai fumando una sigaretta in piedi? Arriva Marisol che ti invita a rilassarti su una sedia a dondolo.
Casas particulares Cuba
I proprietari di queste casas particulares sono genuini e adorano avere viaggiatori per casa con cui condividere attimi di vita autentica.

I costi per dormire in una delle casas particulares variano dai 20 ai 30 CUC [1 CUC è poco più di un euro] a notte in doppia. Noi abbiamo sempre speso 25 tranne a Viñales che il prezzo era più basso.
La colazione ricca e abbondante costa 4 o 5 CUC a persona. Frutta, dolci, succo, caffè, uova, pane, marmellata per ricaricarti le batterie e affrontare una nuova stupenda giornata cubana.
Ti consiglio di optare anche per la cena nelle casas particulares Cuba in quanto avrai nuovamente l’opportunità di chiacchierare e condividere la tua giornata con la famiglia ospitante. Solitamente con 10 CUC, alcolici esclusi, avrai una super comida con tanto di verdure, riso, piatto principale di pesce/carne/vegetariano, dolce, frutta.
Il piatto che ogni sera attendevo con più gusto era quello della vianda frita [che a seconda delle sere e delle case poteva essere patata, yuca, banana, malanga]: lo divoravo con gli occhi ancora prima di assaggiarlo.
Casas particulares Cuba
Tante sono le casas particulares Cuba ma non tutte sono legali e non tutte hanno dei fantastici proprietari che appoggiano e credono nello scambio interculturale. Lo svilupparsi del turismo ha creato anche tanta concorrenza sleale e la totale genuinità si è andata a far friggere [come la vianda].
Il mio consiglio è quello di affidarti sempre a chi è già stato in una determinata località per provare a soggiornare nelle casas particulares Cuba dove un tuo amico, ad esempio, si è trovato super bene. Puoi anche prenotare il tuo soggiorno direttamente dall’Italia. Anche se Internet non è così diffuso, quasi tutti hanno un correo electrónico che leggono regolarmente.

Ho ancora impressi nella memoria i loro sorrisi, gli abbracci di benvenuto e quelli di arrivederci. Nel cuore porterò per sempre con me sei nuove famiglie con le quali ho condiviso momenti di straordinaria bellezza e con i quali mi sono sentita a casa. 
Come in un tenero e caloroso vortice di umanità e di autenticità ringrazio queste tenere persone che mi hanno dato insegnamenti di vita e dimostrazioni di affetto.

Una foto con ognuno di loro per sentirli, ogni giorno, più vicini.