Viaggi e Web 2.0

Ciao 2014

Ciao 2014.

E così un altro anno sta finendo. Questa sera, tutti in coro, urleremo, Ciao 2014. 12 mesi volati via tra sogni, desideri, viaggi e consapevolezza.
Si, per me il 2014 è stato davvero un anno stupendo e la parola che lo ha caratterizzato è stata, appunto, consapevolezza.
Un anno all’insegna dello yoga e dell’omeopatia. Sento di aver capito che ho bisogno di pensare a me. Vari episodi in questo 2014 mi hanno fatto constatare che gli amici si contano su una mano e che tutto il resto è contorno.
Perciò Ciao 2014: io terrò per sempre, in un cassetto della memoria, quello che mi hai lasciato e fatto capire e che sarà anche la base per un nuovo anno più consapevole.

Che cosa ho fatto e imparato in questo anno?
Gennaio è iniziato in Umbria con una gustosa torta al testo e con la consapevolezza che quest’anno non avrei di nuovo atteso il Capodanno in un ristorante a mangiare fino all’una di notte annoiandomi. Gennaio è stato anche il mese in cui ho scoperto un luogo piacevolmente suggestivo come l’Eremito. Forse inconsapevolmente la voglia di lavorare su me stessa è iniziata proprio da là.
eremito hotelito del alma
-A Febbraio è stato freddo e io mi sono rifugiata nei luoghi d’arte a due passi da casa mia scoprendo, ad esempio, la GAM di Firenze e il Corridoio Vasariano. Un mese di passaggio in cui pianifichi nuove idee e continui a sognare sul nuovo anno che hai davanti.
Galleria d'Arte Moderna a Firenze
Marzo: mese del carnevale. Sono tornata nella mia adorata Puglia per godermi quello di Manfredonia. Una conferma: il carnevale non fa per me. Non mi maschero da mille anni e non avrei nemmeno voglia di farlo di nuovo anche se ammiro chi lo fa, sentendosi ancora un po’ bambino. Marzo anche come Be-Wizard di Rimini che ormai da diversi anni è un appuntamento fisso nella mia agenda.
Voglia di Carnevale
Aprile inizia con un viaggio in Norvegia alla scoperta di Oslo e dei suoi dintorni. Il mio amore per questa terra piano piano si faceva spazio dentro di me. A volte mi sentivo come durante una gita delle medie ma ho avuto l’opportunità di conoscere un amico che mi manca anche un po’.
Aprile dolce dormire è stato anche il mese del Vinitaly e del Veneto Orientale. Non avrei mai pensato che Caorle e Portogruaro fossero così meravigliosamente perfette.
E poi le 5 Terre. Finalmente sono riuscita ad organizzare un weekend qui. E sono anche stata fortunata per il tempo meraviglioso che ha caratterizzato i miei giorni di permanenza. Sentieri immersi nella natura, cibo tipico, mare: cosa chiedere di più!?
Un mese che mi ha messo grinta, dato emozioni fantastiche e mi ha riportato a Marina di Ravenna dopo tanti anni.
La Romagna, che sentirai spesso nominare, è per me fonte di vita.
Il Veneto Orientale
-Che dire di Maggio? La montagna pistoiese e il ponte sospeso sono le prime tappe che mi vengono in mente. Ma non sono state, ovviamente, le uniche. Il Castello di Meleto immerso nel Chianti, Senigallia [si la conosco benissimo in quanto marchigiana ma non potevo di certo perdermi un progetto per la sua rinascita post alluvione!] e la partenza per l’Olanda.
Utrecht in bici
-Esatto, Giugno è iniziato in Olanda! Tra Utrecht e Den Haag, i giri in bici, le ore nei parchi e nei musei e l’incontro con una mia cara amica marchigiana che abita proprio all’Aja.
Giugno anche come Sardegna e la consapevolezza che l’acqua è super mega wow ma troppo gelata in questo mese! San Gimignano, i suoi vini e il suo centro storico e la sfiga di beccare il diluvio universale. E poi il mio ritorno in Norvegia dove proprio l’amore per questa terra è arrivato ai massimi livelli. La Norvegia del Nord, il sole di mezzanotte, Capo Nord, Tromso e una compagnia da paura: un viaggio magnifico all’insegna di una natura incontaminata e di tante risate.
Norvegia orientale
Luglio finisce in Norvegia e continua in Sicilia poi passa da Abano Terme, Castelfalfi e Monaco di Baviera. Un mese in movimento, uno di quelli in cui la maggior parte della gente invidiosa e scontenta della propria vita ti dice: “Parti ancora?”, “Ma non stai mai a casa?”, “E ora dove vai?”, “Che culo!” e via dicendo. E tu con la voglia di mandarli a quel paese gli dici sorridendo “Si parto ancora e sono felice”.
idee per capodanno
Agosto: il mese della riflessione. Quello in cui ho capito tanto. Ho avuto modo, anche troppo, di stare da sola e acquisire quella consapevolezza che bisogna prima stare bene con noi stessi. Non dobbiamo aspettarci nulla dagli altri, dobbiamo vivere il nostro tempo facendo solo quello che ci fa stare bene e dobbiamo impiegare le nostre ore e i nostri giorni con persone che ci rendono felici. Ok ma poi in questo mese ho fatto anche diverse cose fighe nelle Marche come, ad esempio, il Tarta Day o una settimana di completo relax e mare al Conero con una delle mie migliori amiche. Agosto iniziato male e finito in bellezza con la consapevolezza che a me basta un semplice weekend in Romagna per stare bene e per farmi tornare quel benessere fisico e mentale di cui ho bisogno.
Tarta Day a Numana
Settembre per scoprire la Lunigiana e per conoscere la Giordania. Un viaggio lontano con persone nuove. E così arrivo anche a quella consapevolezza che fa davvero bene prendere e partire con gente diversa che ti permette di vedere il mondo con altri occhi.
Da questo mese diciamo che è stato tutto in salita. Mi è tornata la vera voglia di divertirmi e il sorriso stampato sul volto.
Giordania da scoprire
Ottobre per ammirare l’Eroica del Chianti, per tornare in Romagna con il TBDI, per andare a Malta. Un progetto internazionale che mi ha messo alla prova con il mio inglese e che mi ha fatto condividere spazi e momenti con blogger provenienti da tutto il mondo. E Malta, Gozo e Comino: tre spettacoli della natura!
Visitare Malta in un giorno
Novembre di nuovo all’insegna della Sicilia, dell’Umbria e della Toscana. Il mese in cui ho deciso di cercarmi anche un corso di yoga serio che mi ha fatto avvicinare al mio IO interiore: quello forte, quello che non ha paura, quello che vuole godersi la vita consapevolmente, quello che a volte è capace anche di dire NO.
Turismo Rurale Enna
Dicembre, l’ultimo mese di questo anno che questa sera ci porterà a dire Ciao 2014. Il mese delle soddisfazioni. Sono addirittura finita al Kilimangiaro in diretta Skype. Chi se lo sarebbe mai aspettato? Camminando a piccoli passi si ottengono i risultati migliori.
Mostre, borghi, cene tipiche e ultime riunioni di lavoro prima della fine dell’anno.
Volontariato in giro per il mondo
E questa sera dove urlerò Ciao 2014?! In teoria, per finire bene, ho deciso di andare in Romagna. Ma il freddo e la neve lungo il percorso forse mi faranno cambiare meta [lo scoprirò solo più tardi]. Ma ormai ho raggiunto quel benessere e quella consapevolezza maturata nel corso degli ultimi 12 mesi che va anche bene così, posso essere felice di un ultimo dell’anno improvvisato..

Un 2014 ricco di viaggi, emozioni e sogni avverati. Un anno in cui sono partiti due importanti progetti lavorativi come TBnet e Rural Pride, l’anno in cui ho aperto Partita Iva, l’anno in cui ho insegnato ad un corso per la prima volta, l’anno in cui ho lanciato la rubrica #iovolontarionelmondo, l’anno in cui ho approfondito la conoscenza di persone stupende e anche l’anno in cui sono passata ad un Mac.

Mi auguro di avere un 2015 altrettanto bello ed emozionante, mi auguro di raggiungere ancora di più quella consapevolezza che mi fa sentire bene, mi auguro di viaggiare tanto e verso luoghi lontani e tutto questo lo auguro anche a te che in quest’anno mi sei stato vicino, hai letto, commentato e condiviso i miei articoli, a te che non conosco ma ti sento molto simile, a te che, con il sorriso in volto aspetti un anno magari migliore di quello che sta finendo.

Ma ricorda, la bellezza nasce e parte soprattutto da noi. Impara a capirti e a star bene con il tuo IO che tutto risplenderà di una luce migliore.

Ciao 2014 e grazie di tutto.