Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Havana alma de Cuba

Havana alma de Cuba

, / 1

Havana alma de Cuba.

E’ stato un colpo di fulmine. Un amore a prima vista. Una città come lei non può restarti indifferente. Havana alma de Cuba e il mio cuore, al solo pensiero di rivederla un giorno, inizia a battere più forte. Quest’anno sono riuscita a vivere le stesse emozioni per ben due volte. Entrambi i viaggi, fatti a Cuba, mi hanno portato a passare da lei. Ormai come un’amica in attesa di chiacchiere e condivisioni piacevoli.
Havana alma de Cuba
I colori, l’architettura, le persone, le macchine colorate che sfrecciano lungo le strade, la musica che esce dai finestrini e ti fa muovere a ritmo il piede, il suo stile così stupendamente decadente e al tempo stesso in via di sviluppo, le vibrazioni positive di una rivoluzione, i ricordi, i muri che inviano messaggi, l’aria così profumata di filosofia cubana. Passeggiare con una Cristal in mano, mangiare un gelato alla vaniglia da Coppelia, ammirare il primo tramonto che ti colpisce al cuore. Io sono follemente innamorata di lei.
Havana alma de Cuba, amore mio: aspettami che sto già progettando di tornare da te il prossimo anno.
Revolution voluntad de un pueblo
Havana alma de Cuba
Qui dove tutto è relativo, dove ogni cosa sembra complessa. Qui dove vivono persone dal cuore immenso che ti fanno sentire una di famiglia dopo 5 minuti che ci parli. Proprio qui dove i locali statali e quelli privati convivono, dove il costo di una macchina supera quello di una casa, dove tutti sono culturalmente perfetti, dove ci sono sia mezzi di trasporto collettivi che turistici, dove pagare in CUC o in moneta locale fa una grande differenza, qui dove i valori sono forti e l’amicizia, l’amore e la famiglia hanno un peso inconfondibile nella vita di questo popolo. Tutto ha prospettive diverse, tutto sembra avere due binari completamente differenti. Un mix che convive nel cuore e nell’anima dei cubani.

Il Vedado, l’Habana Vieja, il Centro Habana e Miramar: sono i nomi dei quartieri che principalmente ti ritroverai ad esplorare passeggiando per le sue vie. Così diversi, così unici e autentici. Ma dormire in una casa particular nel Vedado o all’hotel H10 Panorama di Miramar ti farà vedere il mondo da prospettive diverse. Viaggiare in un bus turistico attraversando la città e fotografandola dall’alto o fermare un taxi collettivo per farti portare a destinazione integrandoti completamente con i cubani e la loro cultura sono attimi di vita differente che mai potrai dimenticare. Un piacere poter confrontare le due esperienze, un onore poter vedere la vita che si svolge là sentendosi da una parte o dall’altra della bilancia. Tutto fa esperienza, tutto serve per capire e comprendere la storia di un popolo e di una città.
Havana alma de Cuba e io continuo a sognarti come un amore eterno e come una dolce perfetta metà.
Havana alma de Cuba
Passeggiare per il Malecón lasciandosi trasportare dalla brezza marina, tornarci la sera per vedere la vita che parallela scorre lungomare, fermarsi per curiosare le postazioni di domino agli angoli della strada, rimanere ad ammirare l’Habana Vieja [Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO], darsi alla cultura nel Vedado, essere consapevoli di trovarsi in una città dove l’università è una delle più prestigiose dell’America Latina, scoprire il quartiere Miramar e notare le enormi differenze e l’alto tenore di vita di chi abita in questa zona, ammirare i volti della rivoluzione cubana dipinti nei muri della città, andare al Museo della Rivoluzione per scoprire da vicino la storia di un’isola.
Havana alma de Cuba
E poi ancora passeggiare andando alla ricerca di quattro meravigliose piazze che contraddistinguono il quartiere Habana Vieja:
Plaza de Armas: con il suo caratteristico mercatino di libri usati dove si incontrano musicisti e artisti e dove è situato il Museo el Templete [e l’albero di ceiba];
Plaza Vieja: con i palazzi ristrutturati e le insegne che ricordano il passato [qui troverai anche negozi di marca che mostrano il lento cambiamento che invaderà Cuba, spero con rispetto];
Plaza de San Francisco de Asís: situata di fronte al porto della città e vicina al Museo del Ron;
Plaza de la Catedral: dove esplode l’architettura barocca e il colore predominante è l’azzurro.
Ma Habana Vieja è formata anche da una parte più autentica e non restaurata dove respirare la vita quotidiana osservando i bambini giocare per strada e grandi intenti nel domino.
Havana alma de Cuba
Sempre in questa zona potrai godere dell’altezza della terrazza dell’Hotel Ambos Mundos dove si trova la camera museo dove dormiva Hemingway.
Di fronte al Museo del Ron e al regno de l’Habana 7 potrai prendere un traghetto per andare nel quartiere Casa Blanca dove si trova la Casa Museo del Che e il Cristo gigante. Da qui avrai un’altra prospettiva di una città vivace e colorata.

Centro Habana è invece il quartiere del Capitolio Nacional, un imponente edificio che non faticherai a riconoscere, e il Museo de la Revolución. A pochi passi dal Capitolio, di fronte alla Plaza de Cristo si trova un ristorante privato che ti consiglio: il Chanchullero, dove l’arte e la cucina danzano a ritmo di reggae. Sempre qui vicino, un’altra terrazza saprà mostrarti Havana alma de Cuba dall’alto: Hotel Inglaterra, di fronte al Parque Central.

Spostandoti verso il Vedado ti rimarrà nel cuore il tramonto visto dall’alto dell’edificio Focsa, nel bar La Torre, mentre sorseggi il tuo primo mojito cubano e parli di un’isola che hai desiderato conoscere per anni. Il cielo si colora di rosa, il sole si tuffa nel mare e mentre l’ultimo sorso di mojito attraversa la cannuccia ti accorgi di sentirti bene.
Havana alma de Cuba
Proprio in questa zona si trova la rinomata università della città, la gigantesca Plaza de la Revolución con i murales del Che [Hasta la victoria siempre] e di Cienfuegos.
Havana alma de Cuba
Qui ti consiglio di mangiare a la Taverna El Pachenguero dove assaggiare piatti della cucina locale e parlare di ottimismo.
Por un socialismo prospero y sustainibile

Attraversare l’Habana all’interno di una Buick azzurra mentre le note del reggaeton vibrano nell’aria. Finestrini aperti, vento in faccia, gioia di vivere e di prendere tutto il bello che Havana alma de Cuba può donarmi. Solo emozioni, solo cose belle.
Havana alma de Cuba
My mojito in La Bodeguita, my daiquiri in El Floridita– e così scriveva Hemingway.
E ovviamente, anche se molto turistici questi due locali vanno visti. Sedersi al bancone de La Bodeguita per bere un mojito mentre un gruppo suona musica tipica e un via vai di gente continua ad entrare e uscire per farsi la foto nel locale più famoso del mondo; trovare posto a El Floridita per continuare a ricordare Hemingway sorseggiando un daiquiri.

Per ammirare il lento cambiamento della città si può andare a la FAC, al confine tra Vedado e Miramar. Un nuovo luogo alternativo, affascinante, che racchiude al suo interno spazi dedicati all’arte, alla fotografia, alla moda, alla musica. Al tempo stesso questo locale non è per tutti. Il cubano non può permettersi un ingresso di 2 CUC. Il profumo di centro sociale si trasforma in odore radical chic. Nonostante tutto, il cubano vede un cambiamento come un passo positivo, è consapevole che i tempi saranno lunghi ed ha una forte determinazione e voglia a mantenere la propria autenticità e filosofia.

Havana alma de Cuba così coloniale, così maestosa, così affascinante e travolgente con il suo Malecón, l’Habana Vieja e il Vedado: e io mi rendo conto che è il mio ultimo giorno qui e che, per la seconda volta, sto lasciando un pezzo di cuore in questa città così ricca di complessità, così dolce. Un ultimo grande sorriso a l’Habana in notturna, un biscotto al cioccolato, un caffè e un autista che mi porta al gate dell’Aeroporto Nazionale José Martí: un volo per Santiago mi attende.
Havana alma de Cuba
Mi amor, mi vida, Havana alma de Cuba: non perdere mai il tuo carattere, non lasciarti travolgere dal cambiamento negativo.

One Pingback/Trackback