Viaggi e Web 2.0

Home Viaggi Cosa non perdere Tour della Giordania da Roma

Tour della Giordania da Roma

, / 17

Tour della Giordania da Roma.

Poco più di una settimana fa partivo per un nuovo viaggio. Uno di quelli che mi fanno respirare. La destinazione questa volta era la Giordania.
Tour della Giordania da Roma
Emozione, felicità e curiosità in valigia. L’ansia da partenza mi ha fatto compagnia fino a che non sono arrivata a Fiumicino. Amante delle sfide, i minuti di attesa tra un mezzo e l’altro [che avevo prenotato] erano davvero pochi e la mattina era iniziata male.
Treni con i soliti 10 minuti di ritardo e la bellezza di sentirsi dire Questa corsa del Terravision da Termini all’aeroporto non verrà effettuata in quanto il bus si è rotto.
Ho pensato: ecco, ora rimango a Roma. Che faccio?
Ok, come prima cosa non la faccio passare liscia a Terravision che mi ha lasciato a piedi e poi? Corro nella direzione del binario 24 per prendere il treno per Fiumicino [soluzione non presa in considerazione dall’inizio per l’alto costo del biglietto].

Insomma: paonazza, trafelata e sudata arrivo a Fiumicino. Ce l’ho fatta. Anche questa volta ho sfidato il tempo e la fortuna. Ecco i miei compagni di viaggio al check-in.
Non conosco nessuno, se non online, e devo dire che era un pezzo che non mi capitava. Il brivido di conoscere nuove persone mi affascina ma mi inquieta anche un po’. Se poi non mi ci trovo bene? Ci devo passare una settimana insieme.
Ma io sono solita parlare anche con i muri e non ci metto troppo a fare amicizia, penso dentro di me.
Grandi sorrisi mi attendono. Ci presentiamo, ci scrutiamo e diamo il via alle danze.

Grazie a Marco Petrolo, Sales Executive della Royal Jordanian [compagnia con la quale abbiamo volato su Amman] abbiamo saltato qualche inutile fila e in pochissimi minuti abbiamo effettuato i controlli di sicurezza e siamo arrivati al nostro gate d’imbarco.
Tour della Giordania da Roma
Aneddoti, racconti, storie accompagnano il primo caffè. In me cresceva la sicurezza che sarebbe stato un bel gruppo con cui condividere cuore ed emozioni.
E poi mi aspettava la Giordania, una destinazione che mi aveva già cercato mesi prima e alla quale avevo dovuto dire di no con grande dispiacere. Era destino che facessi questo viaggio, lei mi voleva ed io ero carica per scoprirla.
Tre ore e mezzo passano veloci. Le nuvole dolcemente ci abbracciano e ci cullano in sogni lontani. La felicità di avere un pasto vegetariano a bordo [ti consiglio di richiederlo al momento della prenotazione], un sedile comodo con tanto di morbido cuscino dove affondare i pensieri, un orario di volo fantastico che ti permette di non dovere fare alzatacce o arrivare ad orari improponibili nella capitale, un atterraggio silenzioso e perfetto.

Benvenuta in Giordania.
Ed eccomi all’aeroporto Queen Alia di Amman. Wow, non ci credo ancora, sono arrivata. Svolgiamo le pratiche per il visto, cambiamo qualche euro in dinari giordani [il dinaro giordano vale circa 1 euro] e spostiamo le lancette dell’orologio un’ora avanti.
E poi l’incontro. Sufyan Khader, si chiama. Sarà la nostra guida locale parlante italiano. Colui che in una settimana ci emozionerà; ci farà da Cicerone in una terra dai mille riflessi raccontandoci curiosità sulla storia, l’economia, la religione, i fidanzamenti, i matrimoni, i funerali; ci farà accelerare il passo al suono di Yalla Yalla; ci farà piombare in una favola che profuma di Medio Oriente.
Tour della Giordania da Roma
Prima di partire amici e parenti erano preoccupatissimi per me. Avevano paura che questo fosse il mio ultimo viaggio. Ma perché?! Perché purtroppo a volte non conosciamo bene i confini. La Giordania è una destinazione tranquilla che vive di agricoltura, industria e turismo. Perciò non lasciamoci impaurire [dai confini in guerra]. Qui dove non devi temere per la tua sicurezza, qui dove le persone sono molto ospitali, puoi tranquillamente fare anche un viaggio fly&drive.
La Giordania è ricca di sfumature e luci.
Tour della Giordania da Roma
Fremevo dalla voglia di innamorarmi di Petra, di lasciarmi cullare dal tramonto nel deserto del Wadi Rum, di farmi una dose di adrenalina nel canyon Wadi Mujib, di ammirare la biblica Gerasa, di rimanere senza fiato di fronte alla bianca Amman, di restare a galla senza alcuno sforzo nel Mar Morto, di ripercorrere le orme di Mosè e ammirare il luogo di battesimo di Gesù.

Riportando tutto a casa posso dire di aver raggiunto anche molti più traguardi. Un viaggio che è stato meglio di come potessi immaginare. Una compagnia che durante la settimana si è trasformata in un branco di cuori. Un ricordo indelebile che porterò per sempre con me. Una terra, chiamata Giordania, che mi farà brillare gli occhi di gioia ogni volta che la penserò.
Tour della Giordania da Roma
Viaggio in collaborazione con Volagratis e Turismo Giordania.

One Pingback/Trackback